Lun 26 Feb 2024

HomeToscanaCronacaStadio Firenze: su accesso agli atti TAR Lazio da' ragione a Comune

Stadio Firenze: su accesso agli atti TAR Lazio da’ ragione a Comune

Una volta venuto a conoscenza del decreto di de-finanziamento dei 55 milioni precedentemente aggiudicati per la riqualificazione dello stadio Franchi, il Comune aveva inviato al Governo italiano formale istanza di accesso agli atti, per poter conoscere i documenti e le ragioni su cui quella improvvisa decisione si fondava

La vicenda è stata resa nota da  Palazzo Vecchio. Alla richiesta del Comune  il Governo,  aveva negato l’accesso, dichiarando che la conoscenza di quei documenti da parte  avrebbe potuto arrecare un “pregiudizio concreto” alla salvaguardia degli interessi pubblici inerenti alle relazioni internazionali e alla politica e stabilità finanziaria ed economica dello Stato. Il Tar, si spiega dal Comune, ha invece dichiarato illegittimo il diniego opposto dal Governo, rilevando come quel paventato “pregiudizio concreto” fosse in realtà del tutto insussistente. Di conseguenza, il Tar ha ordinato al Governo di rendere visibile al Comune tutta la documentazione relativa al de-finanziamento dello stadio Franchi. La decisione nel merito è confermata per il 14 novembre.

“A me non piace dover ricorrere ai tribunali amministrativi per ottenere il diritto. E’ successo, ne siamo felici, andremo avanti perché ci sarà l’udienza nel merito il 14 novembre. Ritengo però che la strada maestra debba essere la politica e la cooperazione istituzionale: per questo, nonostante la vittoria al primo round al Tar, continuiamo a ritenere che la strada migliore nell’interesse della città sia la collaborazione col governo”. Lo ha detto il sindaco di Firenze Dario Nardella, commentando la pronuncia del Tar del Lazio che ha dato ragione a Palazzo Vecchio sull’accesso agli atti nella vicenda del restyling dello stadio Franchi.

“A Firenze sono stati tolti 55 milioni, a Venezia 90 milioni, a Venezia sono stati restituiti e a Firenze no – ha affermato Nardella -. Credo che sia una ingiustizia che va recuperata e colmata. Ho registrato a parole disponibilità da parte di tutti i ministri coinvolti, dal ministro Fitto, ai ministri Piantedosi e Giorgetti. Secondo me ora basta davvero poco perché il governo restituisca a Firenze questi soldi che ci sono stati sottratti e che l’allora governo Draghi ci aveva dato”.

Nardella ha ribadito di “non aver ricevuto risposte dal governo” alla lettera inviata con proposte per recuperare i 55 milioni. Su qualche fischio ricevuto ieri sera all’inaugurazione del Viola Park, il nuovo centro sportivo della Fiorentina, “sono fischi dei tifosi, qualche fischio ci sta. Non sono i fischi di un gruppetto di tifosi che mi preoccupano, è dieci anni che faccio il sindaco, figuriamoci”.

Rock Contest 2023 | La Finale

"Prenditi cura di me"

UNA VITA TRA DUE RIVOLUZIONI.