Sicurezza bis, Rossi: “M5s si genuflette ancora”

Enrico Rossi

“Ieri il governo è uscito alla grande con il voto al Senato sul decreto sicurezza voluto da Salvini. Esso tradisce i valori costituzionali di umanità e di solidarietà, inventandosi il reato di salvataggio di vite umane e violando i trattati internazionali. A Salvini hanno dato mano Forza Italia, che è uscita dall’aula, e Fratelli d’Italia che si sono astenuti. Il M5stelle si genuflette ancora una volta e vota”.

Il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, sceglie di esprimere il proprio dissenso, riguardo l’attuazione del decreto denominato “Sicurezza Bis”, attraverso Facebook, con un post pubblicato stamani sulla sua pagina ufficiale.

“È chiaro – prosegue Rossi – che esiste a tutti gli effetti un’ampia maggioranza di destra che include anche Forza Italia e Fratelli d’Italia, di cui i pentastellati sono parte organica: ‘schiavi’ come li definisce giustamente Zingaretti. Il decreto non impedirà ai migranti di venire in Italia, come anche ieri è accaduto. Esso finirà solo per alimentare l’odio verso essi e per rendere illegale il salvataggio dei naufraghi”.

Per il presidente di Regione Toscana “l’opposizione di sinistra, i democratici, il mondo cattolico sensibile al messaggio del Papa, i liberali che hanno a cuore i diritti umani possono costruire nel Paese un grande movimento antirazzista e per la solidarietà e contro questa destra estrema, nazionalpopulista, ispirata da Trump e amica di Putin. La novità di ieri è anche il fatto che si ristabilisce un confine certo tra destra e sinistra, che non esiste, come vorrebbe la propaganda grillina, una zona oltre queste fondamentali categorie della politica”.

“Infine – conclude -, se ce ne fosse stato ancora bisogno, il voto al Senato conferma che questo governo durerà e che è sciocco pensare a soluzioni politiche diverse o addirittura nuove alleanze. L’opposizione deve essere ferma e determinata e rivolta contro questo blocco di destra estrema che è al governo, ha una larga maggioranza in Parlamento, e che è egemone nel Paese”.

0 0 vote
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments