🎧 Rifiuti, Toscana, nel 2020 +2% raccolta differenziata. Monni: “possiamo fare di più”

rifiuti
©Controradio
🎧 Rifiuti, Toscana, nel 2020 +2% raccolta differenziata. Monni: "possiamo fare di più"
/

I comuni che hanno superato il 65% sono passati da 123 a 143, e rappresentano il 55% della popolazione regionale. La produzione di rifiuti urbani è calata di oltre il 5% rispetto al 2019, per effetto della pandemia Covid-19 e delle relative restrizioni.

Il dato 2020 della raccolta differenziata dei rifiuti in Toscana,Sale di quasi due punti percentuali  passando dal 60,22% del 2019 al 62,12%, in progressivo avvicinamento all’obiettivo di raccolta differenziata del 65%. Lo ha reso noto oggi l’assessora all’economia circolare della Regione, Monia Monni, secondo cui questo “è un risultato significativo, ma che ancora ci deve vedere lavorare in maniera importante”.

I comuni che hanno superato il 65% sono passati da 123 a 143, e rappresentano il 55% della popolazione regionale. La produzione di rifiuti urbani, 2,156 milioni di tonnellate, è calata di oltre il 5% rispetto al 2019, per effetto della pandemia Covid-19 e delle relative restrizioni. In discesa anche il dato procapite: -25 kg/abitante (da 613 a 588 kg/abitante, avvicinandosi ai dati di fine anni 90).

Analogo il trend anche per la parte non differenziata dei rifiuti: circa -90.700 tonnellate (-10% rispetto al 2019, da 907mila a 816mila), ma diminuiscono anche le raccolte differenziate del 2,5% in peso rispetto al 2019 (-34.600 tonnellate, da 1,374 mln a 1,339 mln di tonnellate) segno evidente degli effetti della pandemia. Monia Monni”I Comuni ricicloni saranno premiati – ha spiegato Monni – affideremo ad ogni Ato 100mila euro per premiare i Comuni più ricicloni, e 233mila euro perché possano scegliere fra le proposte dei Comuni di quel territorio piccoli progetti di riciclo”.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments