Ven 21 Giu 2024

HomeToscanaCronacaReferendum Salviamo Firenze: Tar si dichiara incompetente su ricorso

Referendum Salviamo Firenze: Tar si dichiara incompetente su ricorso

“Tutte le parti del processo sono consapevoli che la questione è dibattuta, ma riteniamo che le domande proposte dai ricorrenti imponessero al Tar della Toscana di trattare il processo. Il passare dei mesi comporta un danno grave al percorso di partecipazione popolare”. Così in una nota Paolo Solimeno, del team legale del Comitato referendario Salviamo Firenze

Il Tar della Toscana si è dichiarato incompetente  in merito al ricorso, presentato dal comitato referendario ‘Salviamo Firenze’ contro il blocco dell’iter referendario promosso in materia di urbanistica. Tecnicamente si chiama “difetto di giurisdizione del giudice amministrativo”

In particolare il ricorso era stato promosso contro le due ordinanze del sindaco  di Firenze ario Nardella del 31 maggio e del 31 luglio scorsi. “Una pacifica giurisprudenza delle Sezioni unite della Corte di Cassazione – si legge nel provvedimento – ha, infatti, riportato alla giurisdizione dell’A.G.O. le controversie relative ai referendum comunali”. Affermando il difetto di giurisdizione del giudice amministrativo, il Tar scrive che “restano salvi gli effetti sostanziali e processuali del ricorso in epigrafe, qualora il processo venga riproposto innanzi al giudice ordinario entro il termine perentorio di tre mesi dal passaggio in giudicato della presente sentenza”.

“Il Tar ha dichiarato il proprio difetto di giurisdizione in favore del giudice ordinario, ovviamente senza entrare nel merito del giudizio. Tutte le parti del processo sono consapevoli che la questione è dibattuta, ma riteniamo che le domande proposte dai ricorrenti imponessero al Tar della Toscana di trattare il processo. Il passare dei mesi comporta un danno grave al percorso di partecipazione popolare”. Così in una nota Paolo Solimeno, del team legale del Comitato referendario Salviamo Firenze, con riferimento alla decisione del Tar

“Il Comune di Firenze – prosegue Solimeno – sta resistendo per evitare, in questa consiliatura, il giudizio sul merito su cui francamente ci pare che non abbia argomenti. Valuteremo in questi giorni le azioni più efficaci per procedere. Il Comune approfitti di questo rallentamento per rendere subito operative i quesiti come clausole di salvaguardia dimostrando così che le delibere di giunta del 30 maggio non erano solo un bluff per impedire la consultazione”. “Lo avevamo detto e lo ripetiamo – aggiunge Massimo Torelli -, lo stop al referendum del sindaco Nardella non ci blocca. Ai problemi sociali e politici non si può rispondere con espedienti burocratici. Salviamo Firenze, dal 28 settembre al 18 novembre partecipa Firma&Ferma: la raccolta di firme per liberare Firenze dalla speculazione dei grandi gruppi e dagli studentati di lusso. Appuntamento per l’avvio della raccolta è giovedì 28 settembre dalle 17 in piazza dei Ciompi”.

Rock Contest 2023 | La Finale

Sopravvissute, storie e testimonianza di chi decide di volercela fare (come e con quali strumenti)