Ven 14 Giu 2024

HomeToscanaCronacaNon ci sarà un nuovo processo per la morte di Roberta Ragusa

Non ci sarà un nuovo processo per la morte di Roberta Ragusa

Roberta Ragusa, scomparsa la notte tra il 12 e il 13 gennaio 2012 da Gello di San Giuliano, in provincia di Pisa. Respinto il ricorso del  marito Antonio Logli   condannato in via definitiva a 20 anni per omicidio volontario e distruzione di cadavere

Roberta Ragusa scomparve la notte tra il 12 e il 13 gennaio 2012 da Gello di San Giuliano, in provincia di Pisa. Oggi la  Corte di Cassazione, secondo quanto riporta  Nazione, ha dichiarato inammissibile il ricorso presentato dalla difesa del marito Antonio Logli, l’elettricista pisano condannato in via definitiva a 20 anni per omicidio volontario e distruzione di cadavere dopo essere stato riconosciuto colpevole del delitto della moglie.

Logli si è sempre dichiarato innocente,  ed aveva presentato un ricorso contro la decisione della corte di appello di Genova che aveva respinto l’istanza di revisione. Dunque non ci sarà nessun  nuovo processo per la morte di Roberta Ragusa. 

“Non solo i giudici ma anche gli avvocati devono parlare con le sentenze e noi abbiamo parlato – ha commentato sui social l’avvocato Nicodemo Gentile, presidente dell’associazione Penelope che tutela le famiglie di persone scomparse e si costituì parte civile al processo – ed è motivo di soddisfazione professionale constatare che, ancora una volta, la Suprema corte è stata pienamente in linea con le nostre osservazioni tecniche. Con la coscienza a posto archiviamo la vicenda giudiziaria con la consapevolezza di aver ‘mantenuto la promessa’ e di aver dato dignità alla memoria della nostra Roberta”.

Soddisfatta anche Maria Ragusa, cugina della donna scomparsa: “Finalmente è finita. E’ stato un lungo percorso, abbiamo mantenuto la promessa: giustizia è stata fatta”. 

Rock Contest 2023 | La Finale

Sopravvissute, storie e testimonianza di chi decide di volercela fare (come e con quali strumenti)