Primarie, Giani: “Sarò in campo contro candidato Rossi”

“Io sarò in campo per primarie che devono avvenire con dialettica, spirito propositivo, senza lacerazioni, rispettando l’uno e l’altro. Ci sarà da un lato la corrente coordinata da Rossi e dall’altro la candidatura Giani”, così ha dichiarato il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani, a margine di un evento a Firenze.

“Per le Regionali 2020 rispetterò il percorso che il Pd farà per la ricerca del candidato unitario, e se questo non ci sarà prendo atto anche della valutazioni del presidente Rossi”, ha continuato Giani. “Io nel Partito democratico ci sono entrato nel momento costitutivo, lo sento la mia casa e non ne esco, ci sono e ci sto estremamente convinto. Il partito – aggiunge – vivrà il passaggio della direzione nazionale di sabato prossimo dove presumibilmente si farà appello all’individuazione di una candidatura unitaria, potrei essere anche io per il mio spirito e per il consenso che ricevo dalla gente, dal sindaco del piccolo comune al semplice iscritto”.
Secondo il presidente del Consiglio regionale: “Il Pd è il partito che da sempre guida il governo riformista della Regione Toscana ed è evidente che ci sia anche la necessità di una dialettica che può trovare una convergenza unitaria o articolarsi in primarie fatte bene, senza alzare muri. Poi chi vince sarà il candidato governatore del Pd  e chi non vince potrà partecipare alla squadra nel modo con cui il partito riuscirà a coordinare le posizioni di tutti”, ha concluso Giani.
avatar