‘Più Compagnia’, progetto di cinema La Compagnia, nei tempi Coronavirus

Flat line design of web banner template with outline icons of viral video marketing, movie shooting, professional TV studio production. Modern vector illustration concept for website or infographics.

?Firenze, nasce “Più Compagnia”, un progetto del cinema La Compagnia – Fondazione Sistema Toscana e Regione Toscana, per raddoppiare, online, la proposta culturale della Casa del Cinema della Toscana.

“Più Compagnia”, sarà una vera e propria sala virtuale dedicata al Cinema – tra anteprime, rassegne, grandi festival, didattica a distanza, masterclass – al Teatro, alla Musica, alla Danza e alla Letteratura. Il progetto nasce nella prospettiva di essere stabile e duraturo nel tempo, destinato ad accompagnare la programmazione in sala de La Compagnia, anche quando sarà terminata la fase dell’emergenza sanitaria, per arricchire l’offerta culturale verso il pubblico toscano e non solo.

Il progetto nasce nella prospettiva di essere stabile e duraturo nel tempo, destinato ad accompagnare la programmazione in sala de La Compagnia, anche quando sarà terminata la fase dell’emergenza sanitaria, per arricchire l’offerta culturale verso il pubblico toscano e non solo.

“Anche il cinema, così come lo spettacolo dal vivo – ha dichiarato Monica Barni, vicepresidente e assessore alla Cultura della Regione Toscana – ha bisogno della socialità, ha bisogno della sala, non bisogna smettere di vedere i film nella sala. Questa iniziativa è molto importante perché da una parte non si rescinde il legame con il pubblico, che è fondamentale, dall’altra perché in questo momento di chiusura abbiamo sperimentato le opportunità che il digitale ci offre. Siamo quindi arrivati ad una soluzione matura, che non è assolutamente legata al momento di chiusura delle sale, ma proseguirà, affiancando la programmazione tradizionale: è quindi un ulteriore arricchimento dell’offerta culturale de La Compagnia”

“Ci sono stati incontri – ha proseguito la vicepresidente Barni – con gli esercenti cinematografici, durante questi mesi e ci sarà un nuovo incontro martedì 26 maggio, proprio per riflettere sul tema delle riaperture, soprattutto per lavorare sul protocollo di riapertura, in totale sicurezza”.

Sentiamo Monica Barni, vicepresidente e assessore alla Cultura della Regione Toscana, Stefania Ippoliti, responsabile Area Cinema Fst e Iacopo Di Passio, presidente Fondazione Sistema Toscana, ai microfoni di Gimmy Tranquillo:

Il viaggio di Più Compagnia parte con la letteratura e il prestigioso premio Premio Gregor von Rezzori  giunto alla XIV edizione (dal 26 al 28 maggio) con incontri, conversazioni e lecture ad ingresso gratuito con ospiti di prestigio come, tra gli altri, Fabrizio Gifuni e Ralph Fiennes.  Spazio ai documentari nella sala virtuale con una selezione proposta dai prestigiosi festival toscani: si parte con la prima al pubblico di You Only Die Twice di Yair Lev (dal 26 maggio) dal Middle East Now e con l’incontro del regista a seguire (ingresso 3,99€). Si prosegue con Pj Harvey – A dog Called Money di Seamus Murphy (dal 29 maggio) presentato in anteprima alla 60° edizione del Festival dei Popoli, un viaggio con la musicista cult PJ Harvey e con A Voce alta, la forza della parola di Stéphane de Freitas, Ladj Ly, vincitore del premio del pubblico al Torino Film Festival (a 6,99). Dallo Schermo dell’Arte arriva un programma di tre film d’artista per raccogliere fondi a favore della campagna Artists’ Film Italia Recovery Fund a sostegno della produzione di opere video originali di giovani artisti italiani: Looking for Oum Kulthum di Shirin Neshat, proiezione arricchita da un contributo inedito dell’artista iraniana (28/05), Station to Station di Doug Aitken (4/06) presente con un video in esclusiva e Where is Rocky II? di Pierre Bismuth (10/06). Visione con donazione minima a 5 euro. I festival sostenuti dalla Regione Toscana proporranno proiezioni nel programma in divenire: da France Odeon al River to River; da Florence Korea Film Festival a Cinema e Donne; dal Florence Queer Festival al Premio NICE Città di Firenze; dal Lucca Film Festival a Immagini e suoni del mondo. Più Compagnia sarà un’opportunità per i festival sia per coinvolgere un pubblico più ampio (nazionale e internazionale) sia per ospitare anche professionisti dall’estero che forse non potranno partecipare in loco.

Tra le curiosità gli Appuntamenti al Buio: nel mare di contenuti digitali disponibili in rete, un film a sorpresa, sulla fiducia (si parte il 27 maggio), sempre accompagnato da una breve introduzione critica (ingresso a 3.99€). 

Trasversale la formazione e l’incontro con gli autori: nel cartellone virtuale, infatti, anche un ciclo di lezioni sul Linguaggio audiovisivo contemporaneo: si parte con Pablo Larraín (30/05, ore 21), regista cileno che rappresenta uno dei punti di vista più lucidi e spietati sul regime di Pinochet. Ancora lezioni di cinema con il corso Da Shakespeare al melodramma nel cinema, a cura del prof. Stefano Socci (dal 1° giugno, a ingresso gratuito) con incontri e proiezioni (si parte con Romeo & Juliet di C.Carlei, Ingresso: 3.99€).

Al centro delle attività dedicate alla formazione i progetti di Lanterne (più) Magiche, il programma regionale di educazione all’immagine e al linguaggio audiovisivo, rivolta alle nuove generazioni di spettatori. In questo ambito si inseriscono quattro lezioni di cinema in un viaggio attraverso la storia, corredate di clip di film celebri, interviste a registi, “dietro le quinte” dei set a cura Giovanni Bogani, critico cinematografico e docente di storia del cinema e giornalismo.

Da mercoledì 3 giugno arriva Hitchcock riscopertouno dei più grandi registi di sempre, con una serie di film dedicati alla sua carriera a partire da Ricatto del 1929. Il ciclo prosegue con Omicidio del 1930 e Notorious del 1946. Ingresso (film + approfondimento): 3.99€

Molti gli eventi speciali in collaborazione con Fondazione Fabbrica Europa; Fondazione Palazzo Strozzi; Gabinetto Scientifico Letterario G.P. Vieusseux e con la Compagnia Virgilio Sieni. Partner del progetto sono: MyMovies, che ha reso possibile la realizzazione della sala Più Compagnia; CG Digital e Wanted Cinema per la distribuzione di alcuni titoli in programma.

0 0 vote
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments