Pisa, consigliere comunale resta seduto a minuto silenzio su shoah, bagarre

pisa

Si chiama Manuel Laurora il consigliere del Comune di Pisa, eletto come indipendente nelle liste del Carroccio e leader del movimento locale “no moschea” che ha scatenato la bagarre durante l’ultima seduta della giunta. Laurora è rimasto seduto durante lo svolgimento del minuto di silenzio in ricordo delle vittime dell’olocausto.

Immediate le polemiche con le opposizioni che hanno deciso di abbandonare l’aula in segno di protesta. La seduta è stata quindi momentaneamente sospesa. Al reintro in aula il consigliere si è scuisato ed ha affermato che, “anche per me la Shoah è una pagina terribile della storia dell’umanità che non deve ripetersi mai più. Mai avrei voluto che il mio atteggiamento suscitasse interpretazioni diverse dal mio pensiero che è quello di tutti voi.”

Dopo l’intervento di Laurora ha parlato il sindaco di Pisa Michele Conti che, dopo aver bollato quanto accaduto come un “incidente”, ha invitato il consigliere leghista ad abbandonare l’aula, di fatto ‘espellendolo’ dall’assemblea. “Quanto accaduto oggi – ha detto Conti – non si deve ripetere mai più. E’ un grave incidente ma credo che possiamo prender atto delle scuse del consigliere. Credo che Laurora debba comunque allontanarsi dall’aula, almeno per la giornata di oggi”.

“Ci dissociamo totalmente dal comportamento del consigliere Laurora che non riflette minimamente il nostro orientamento politico e morale, non essendo iscritto al nostro partito”. Lo affermano il segretario pisano della Lega e deputato, Edoardo Ziello, e il capogruppo in consiglio comunale, Alessandro Bargagna.

“Ci dispiace – aggiungono – che il suo gesto abbia dato adito a qualcuno di poter ritenere che il nostro partito disprezzi la memoria dell’olocausto. Laurora si è scusato pubblicamente, pertanto la richiesta di dimissioni ci appare pretestuosa, sennò anche noi potremmo invocare le dimissioni di Pizzanelli per essersi rifiutato di accettare il minuto di silenzio in conferenza dei capigruppo per la commemorazione dei morti nella strage di matrice terroristica islamica avvenuta lo scorso anno ai mercatini di Natale a Strasburgo.”

“È un gesto incompatibile con un’assemblea democratica – ha affermato Giuliano Pizzanelli, capogruppo del PD in consigglio comunale -. Per me le scuse di Laurora non hanno alcun valore. La Lega deva valutare il comportamento del suo consigliere”.

avatar