Pierre Bastien e le sue ipnotiche macchine sonore

Mutek 06, Nocturne 1, Pierre Bastien, Sat

Venerdì 14 febbraio in Sala Vanni a Firenze Pierre Bastien. Compositore, polistrumentista e costruttore di veri e propri automi musicali presenta un connubio tra cinema e musica.

Bastien realizza veri e propri automi musicali con pezzi del meccano: ingranaggi, motori di vecchi giradischi e oggetti di varia natura in grado di rievocare il suono di strumenti tradizionali come il liuto cinese, il bendir marocchino, il saron giavanese, il koto giapponese e il sansa africano.

Le sue performance acquisiscono una dimensione ancora più ipnotica e onirica grazie alle frasi di tromba che il compositore esegue dal vivo sui pattern ritmici innescati dalle sue creazioni meccaniche e alle immagini di queste proiettate sullo schermo. In un suggestivo gioco di ombre cinesi, lo spettatore scopre quindi ogni singolo meccanismo che genera il suono, dando così vita ad uno splendido connubio tra cinema e musica.

Con una discografia che conta più di venti uscite per label tra le quali la Rephlex di Aphex Twin e la Morphine di Rabih Beaini, l’ultimo album pubblicato da Pierre Bastien è il recente “Tinkle Twang ‘n Tootle” (Marionette, 2019), annunciato con un’intervista su The Wire nell’agosto 2019.

Venerdì 14 febbraio  Sala Vanni inizio ore 21:15 – ingresso 13/20 €

0 0 vote
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments