Gio 25 Lug 2024
HomeToscanaCulturaOn line 'Non mollare', primo giornale antifascista clandestino, edito dal 1925

On line ‘Non mollare’, primo giornale antifascista clandestino, edito dal 1925

Il giornale è stato digitalizzato ed è  consultabile su sito Istituto Storico Resistenza

Digitalizzato e  consultabile online sul sito dell’Istituto storico toscano della Resistenza e dell’età contemporanea  Gaetano Salvemini, ‘Non mollare’ il  primo giornale  periodico antifascista clandestino stampato senza cadenza fissa dal gennaio all’ottobre 1925. Il progetto   è stato realizzato con il contributo della Fondazione Cr Firenze.

Il giornale, che  fu fondato a Firenze  da  Ernesto Rossi, Carlo e Nello Rosselli subito dopo l’esperienza fiorentina del Circolo di Cultura,  fu chiuso per decreto prefettizio del 5 gennaio 1925. Da allora fu stampato e distribuito in clandestinità per un totale di 22 numeri.

Il titolo della testata fu ideato da Nello Rosselli, gli articoli mettevano in primo piano i soprusi, più o meno rilevanti, perpetrati dal nascente regime e celati sotto la cappa conformistico-censoria imposta dagli squadristi e dai prefetti.

“Il giornale rappresentava un punto d’approdo e la svolta decisiva di un percorso politico travagliato e per certi versi contraddittorio finalizzato all’azione”, si legge nel sito dell’Isrt, “una presenza continuativa e non effimera nel panorama della controinformazione. Il periodico indicava l’esistenza di un movimento politico irriducibilmente schierato all’opposizione e la differenza rispetto alla restante stampa antifascista, oltre alla scelta obbligata dell’illegalità, era riscontrabile nello svincolo da programmi che non fossero il ristabilimento della democrazia”.

Dagli appunti che accompagnavano gli esemplari è possibile ricondurre l’appartenenza dei diversi numeri a Ernesto Riccioli, Piero Calamandrei, Ernesto Rossi, Lea Valobra e Gaetano Salvemini.