Ndrangheta in Toscana, M5S: Giani riferisca in Consiglio

dia

La Lega parla di ‘quadro preoccupante. “Quello che colpisce dalle prime informazioni è un’ipotizzata connivenza fra il comportamento illegale di alcune aziende del settore conciario ed il mondo politico della Regione Toscana” dicono i consiglieri del Carroccio

“La maxi operazione dei carabinieri e della Dda di Firenze che ha portato all’arresto di 23 persone per più attività criminali riconducibili alla ‘Ndrangheta, denuncia tutta la debolezza della Regione Toscana e forse anche una sottovalutazione del fenomeno da parte di chi la governa se tra gli indagati compaiono perfino dirigenti di enti pubblici e politici toscani”. Così Irene Galletti, capogruppo M5s in Consiglio regionale della Toscana.

“Il prezioso ed encomiabile lavoro svolto dalle forze dell’ordine – aggiunge in una nota – non basta da solo a sopperire all’immagine che viene restituita ai cittadini toscani: quella di una regione pervasa dalla criminalità organizzata, che si permette di articolare più attività criminose in varie province e in molteplici settori: dal traffico di droga, al controllo dei lavori stradali, fino allo smaltimento illecito di rifiuti nelle concerie”.

Per Galletti quello restituito dall’indagine di oggi sulle infiltrazioni della ‘Ndragnheta è “un quadro preoccupante se consideriamo che tra gli indagati compaiono anche Ledo Gori, attuale capo di gabinetto del presidente Eugenio Giani e del suo predecessore, Enrico Rossi, e il dirigente della Direzione ambiente Edo Bernini, nonché la sindaca di Santa Croce, Giulia Deidda. Il presidente Eugenio Giani prenda atto che la situazione richiede che riferisca urgentemente in Consiglio regionale sui fatti. Auspico che lo faccia di sua iniziativa – conclude -, anche se non mancherò di avviare subito una raccolta firme tra le forze politiche responsabili in Consiglio regionale per vincolarlo a questo compito”.

“Che la criminalità organizzata avesse, purtroppo, solide basi anche in Toscana era ormai noto, considerata anche la consueta relazione della Direzione Investigativa antimafia e l’indagine emersa in tutta la sua gravità e capillarità in queste ore, conferma come non si debba abbassare minimamente abbassare la guardia. Quello che colpisce dalle prime informazioni è un’ipotizzata connivenza fra il comportamento illegale di alcune aziende del settore conciario ed il mondo politico regionale”.

Così i consiglieri regionali della Lega. “Ovviamente la situazione è in fase evolutiva – sottolineano in una nota gli esponenti del Carroccio – e lungi da noi nel volerci sostituire alla magistratura”, “se, però i reati ipotizzati fossero effettivamente ed inoppugnabilmente provati, allora ci troveremmo di fronte ad un episodio di una gravità tale, da dover far attentamente riflettere chi attualmente governa la Toscana”.

Per Mario Lolini, commissario della Lega Toscana, “la criminalità organizzata è da tempo una realtà anche in Toscana”, “a preoccuparci di più è che l’indagine coinvolga anche la politica e l’amministrazione pubblica, per questo chiediamo chiarezza e trasparenza”. “Ci sono nomi di spicco finiti nell’indagine – aggiunge in una nota -. La Lega non è per i processi di piazza, a differenza di altri partiti e movimenti, e, soprattutto, non gode delle sventure altrui confidando sempre che la giustizia, quella vera, possa fare serenamente il suo corso. E’ evidente che una riflessione vada fatta di fronte alla gravità ed alla capillarità di questa indagine, soprattutto laddove mette in relazione comportamenti illegali avvenuti nel mondo conciario e in quello politico regionale”. “E’ evidente – conclude Lolini – che se le connivenze tra politica e comportamenti illeciti dovessero essere confermate sarebbe bene che chi occupa i vertici della Regione ne traesse le dovute conseguenze”.

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments