Miliardari già ripresi dalla pandemia. Ai poveri potrebbe volerci un decennio

miliardari
Los Angeles, Skid Row ©Controradio

Secondo il rapporto annuale sulla disuguaglianza di Oxfam International, sarebbe più di un decennio il tempo che potrebbero impiegare i più poveri del mondo per riprendersi dagli effetti economici devastanti del Covid-19, mentre solo nove mesi, è stato il tempo che è bastato ai primi 1.000 miliardari del mondo, per recuperare le loro fortune dopo l’inizio della pandemia di Coronavirus.

I ricchi stanno quindi generalmente resistendo abbastanza bene alla tempesta Covid. Sebbene i mercati azionari fossero crollati nei primi mesi della pandemia, c’è stato negli ultimi nove mesi, un forte rimbalzo degli stessi, grazie in parte all’assistenza economica senza precedenti fornita dai governi. In tutto il mondo, la ricchezza dei miliardari è infatti cresciuta di 3,9 trilioni di dollari tra la metà di marzo e la fine di dicembre, ha calcolato Oxfam.

Il rapporto, pubblicato domenica prima dell’incontro virtuale dei leader politici e finanziari del World Economic Forum, che si tiene tipicamente a Davos, in Svizzera, delinea il diverso impatto del virus in tutto il mondo. La pandemia potrebbe aumentare la disuguaglianza economica contemporaneamente in quasi tutti i paesi, e questa sarebbe la prima volta del verificarsi di un fenomeno del genere, sottolinea Oxfam.

“Siamo testimoni del più grande aumento della disuguaglianza dall’inizio dell’analisi di questo tipo di dati. La profonda divisione tra ricchi e poveri si sta rivelando mortale come il virus”, ha detto Gabriela Bucher, direttore esecutivo di Oxfam.

“Le economie ‘truccate’ stanno incanalando la ricchezza verso una ricca élite che sta cavalcando la pandemia nel lusso, mentre quelli in prima linea nella pandemia, operatori sanitari, commercianti al dettaglio, piccoli imprenditori, commessi di negozio, eccetera, stanno lottando per pagare le bollette e mettere il cibo su la tavola”.

Il coronavirus, che ha infettato quasi 100 milioni di persone e ucciso più di 2,1 milioni in tutto il mondo, ha messo sotto i riflettori le disuguaglianze, facendo drasticamente notare come il modo in cui le persone reagiscono sia diverso a seconda di razza, sesso e reddito.

Secondo un documento di ricerca dell’UN University World Institute for Development Economics, citato nel rapporto di Oxfam, il numero di persone che vivono in povertà a livello globale, potrebbe essere aumentato fino a 500 milioni durante lo scorso anno.

Ed anche uno studio di ottobre della Banca mondiale ha rilevato che la pandemia potrebbe spingere fino a 60 milioni di persone in condizioni di povertà estrema.

Per combattere questa crescente disuguaglianza, i governi dovrebbero garantire che tutti abbiano accesso a un vaccino Covid-19 e al sostegno finanziario se perdono il lavoro, ha detto Bucher, aggiungendo che questo sarebbe il momento per investimenti a lungo termine nei servizi pubblici e nei settori a basse emissioni di carbonio, per creare milioni di posti di lavoro e garantire a tutti l’accesso all’istruzione, all’assistenza sanitaria e all’assistenza sociale.

0 0 vote
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments