Manifattura Tabacchi ospita CO2.0: il Festival di poesia performativa

Manifattura Tabacchi

Linguaggi del contemporaneo che esplorano la parola poetica attraverso arti visive, musica e Poetry Slam, il concerto del duo Uochi Tochi in realtà aumentata, laboratori per diventare “slammer” con Rosaria Lo Russo e Dome Bulfaro e la mostra di glitch art di Nicolò Gugliuzza: sabato 31 agosto e domenica 1° settembre B9,il nuovo spazio dedicato alla cultura contemporanea di Manifattura Tabacchi, ospita il Festival CO2.0, due giorni di appuntamenti a ingresso libero, ad eccezione dei laboratori di sabato e domenica per i quali è necessario iscriversi sul sito www.manifatturatabacchi.com.

Che valore sociale può avere oggi l’atto poetico? Quali strade per il futuro dell’oralità? Quali forme d’arte possono continuare a rappresentare la poesia in un presente iperstimolante? Queste le domande che verranno poste nel corso della due giorni diretta dal collettivo fiorentino di poesia e arti performative Fumofonico, che renderà Manifattura Tabacchi un vero e proprio “Centro d’oralità 2.0”, esplorando la parola e la lirica attraverso i linguaggi del contemporaneo, tra musica, arti visive e performance.

Si parte sabato 31 agosto alle ore 16 con La poesia ad alta voce, laboratorio sul rapporto tra musica e voce tenuto da Rosaria Lo Russo, poeta, performer e traduttrice storica di Anne Sexton. Sempre a partire dalle ore 16 apre al pubblico The indiscreet charm of intransitiveness, esposizione a cura di Nicolò Gugliuzza, poeta performer e artista visivo di stanza a Torino, che esplora la transitorietà del presente attraverso la glitch art, forma d’arte che scompone immagini digitali e le ricostruisce producendo una sorta di mosaico virtuale con una semantica totalmente nuova; la mostra sarà visitabile fino al 6 settembre alla Manifattura Tabacchi.

Dalle ore 20 Talk! Poetry Slam, panoramica sulle esperienze italiane con poeti-performer, artisti e collettivi. Alle ore 21.30, sei tra i migliori “slammer” nazionali si sfideranno attraverso i testi di alcuni degli autori della tradizione poetica italiana, nel primo Poetry Slam d’autore a cura di Fumofonico e Zoopalco. Secondo le regole internazionali del Poetry Slam, il vincitore viene decretato da una giuria popolare scelta dal pubblico.

Domenica 1° settembre, la seconda giornata di festival, che si svolge alla Manifattura Tabacchi, si apre nel segno della contaminazione culturale tra differenti linguaggi. Alle ore 16.30 Dome Bulfaro, tra i più attivi e riconosciuti performer letterari italiani, conduce Diventare poesia, laboratorio per imparare a gestire il corpo e diventare poesia vivente. Alle ore 20 spazio al Talk! Poesia Multimediale con un focus sul Premio Alberto Dubito, riconoscimento che celebra le forme di incontro tra poesia ad alta voce (spoken word, poetry slam) e poesia con musica (spoken music, rap, cantautorato). Sul palco con Sospè – moniker di Davide Tantulli, produttore e organizzatore del premio – anche Rosaria Lo Russo e i vincitori dell’edizione 2018, Mezzopalco.

La serata prosegue alle ore 21.30 con lo spettacolo-concerto di poesia performativa e le percussioni Diossido di Cromo, produzione del Teatro Stabile d’Abruzzo, firmata da Matteo di Genova e Marco Crivelli, vincitori dell’edizione 2017 del Premio Dubito.

Alle ore 23 va in scena il set di musica elettronica, parole e illustrazioni in realtà virtuale di Uochi Toki, progetto ibrido tra rap e sperimentazione attivo da venti anni nel panorama indipendente italiano ed europeo. Durante il live, il duo piemontese utilizzerà un software che permette al disegno nello spazio virtuale 3d di interagire dal vivo con il suono, creando effetti sincronizzati a tempo con i beat.

avatar