La Fiorentina va

Fiorentina-Udinese

Contro l’Udinese la squadra di Montella fa segnare la terza vittoria di fila, e ora anche la classifica sorride. Partita complicata, decisa da un  Milenkovic

Partita sgorbutica come il risveglio dopo una nottata in bianco. L’Udinese è una squadra fatta ad immagine e somiglianza del suo mister: tosta, muscolare, applicata. Nel primo tempo la Fiorentina soffre arrivando raramente al tiro, e dando l’impressione di non avere il mordente giusto: a tratti leggera, anche di testa, giochicchia a centro campo non riuscendo ad aggirare lo schieramento arcigno dei bianconeri. Ribery è chiuso e propone solo un paio di guizzi, Chiesa meno ma sbaglia spesso giocata, Lirola pure, Dalbert è impalpabile, Castrovilli non incanta, Badelj nemmeno, e il solo Pulgar non basta. Dietro non si soffre ma il brivido arriva comunque con il goal di Nestoroskj giustamente annullato per fallo di mano precedente. Si va al riposo consapevoli che serva una svolta anche fisica. Ci pensa Milenkovic con uno stacco imperioso ad aprire i sigilli dell’area udinese. Con Zurkowski al centro la Viola a quel punto gestisce bene le sfuriate bianconere dimostrando di saper anche soffrire. Alla fine sono 3 punti pesanti. Soprattutto se i viola faranno tesoro delle incertezze palesate di fronte ad una squadra predisposta a chiudere arcignamente gli spazi. In ogni caso, la classifica sorride, il Franchi applaude, Montella si gode una rinnovata tranquillita’. Non è poco.
“Sapevamo che con l’Udinese sarebbe stata una partita ‘sporca’, e cosi’ e’ stata: cosi’ va spiegata.  la difficolta’ a vincere”: Vincenzo Montella e’ soddisfatto del terzo successo di fila che lancia la sua Fiorentina in classifica. “E’ attraverso vittorie sofferte come questa che si
diventa squadra, e noi lo stiamo diventando – ha detto il tecnico viola, a Dazn – Ora sarà tutto piu’ difficile, ma stiamo diventando squadra”. “Io fenomeno? Il vero fenomeno e’ il
nostro pubblico: tutto questo calore mi fa bene, e’ il motivo per il quale amo il calcio”. Franck Ribery e’ osannato dalla curva viola del Franchi, dopo la vittoria della Fiorentina, e
lui risponde festeggiando con i tifosi l’1-0 sull’Udinese. “Abbiamo vinto una partita difficile – dice il 36enne attaccante francese, a Dazn – Che eta’ mi sento? L’importante e’ allenarsi
bene, io ho lavorato e con questa maglia sono subito arrivato al mio livello abituale”.

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments