“In Flore”, dialoghi inediti tra musica e letteratura

I cantautori italiani incontrano i propri scrittori di riferimento: nasce il festival “In Flore”, dialoghi inediti tra musica e letteratura. Primo appuntamento 17 maggio con la cantante Maria Antonietta e la scrittrice Maria Grazia Calandrone; si prosegue con Emidio Clementi e Milo De Angelis (24 maggio), Cristina Donà e Anna Toscano (a settembre).

A Firenze la prima edizione del festival In Flore. Il progetto a cura dell’Associazione Arci SassiScritti, in collaborazione con Fondazione Fabbrica Europa, si inserisce nell’ambito dell’Estate Fiorentina 2019.  Dal 17 maggio, al PARC- Performing Arts Research Centre presso le Ex Scuderie Gran Ducali in Piazza delle Cascine, si terranno quattro appuntamenti di incontro e ascolto tra assaggi musicali e letture, in cui il pubblico sarà accompagnato in imprevedibili “fioriture” per entrare nelle atmosfere di brani, romanzi, racconti e versi.

Il festival si aprirà venerdì 17 maggio alle ore 18 con Maria Antonietta, nome d’arte scelto in onore della regina di Francia da Letizia Cesarini, cantante e artista dalle mille sfaccettature che unisce alla passione per la musica un accorto studio dell’arte e della poesia. Devota a Rimbaud per averla accompagnata durante l’adolescenza, Maria Antonietta coltiva le parole partendo dalla loro essenza, per portarle in superficie e farle germogliare con la musica. A dialogare con lei la scrittrice e conduttrice Rai Maria Grazia Calandrone, che attraverso la poesia come forma di introspezione ha realizzato la sua ricerca sul linguaggio e sulla parola. Prima di passare alla scrittura, anche la Calandrone si è avvicinata al mondo dell’arte come pittrice e fotografa. Sarà, quindi, un incontro tra musica, parole e arte: linguaggi diversi che, contaminandosi, danno origine al fiore della cultura.

Venerdì 24 maggio alle ore 18 Emidio Clementi, il leader della storica band Massimo Volume, dialogherà con Milo De Angelis, uno dei più grandi poeti italiani. La particolarità di questo incontro sta proprio nella scelta del cantautore stesso di interfacciarsi con un autore capitale per il proprio lavoro sul linguaggio. Dal canto suo, De Angelis ha apprezzato il lavoro di scrittura di Clementi già dalla raccolta ‘La ragione delle mani’ del 2012. Entrambi appassionati e profondi lettori, oltre che autori, sono accumunati da una ricerca sulla parola declinata, visti i loro diversi talenti, in più arti: dalla musica, alla letteratura, alla recitazione.

A settembre si terrà un incontro tra la cantautrice Cristina Donà, dagli anni Novanta tra le voci più originali della scena musicale italiana e Anna Toscano, poetessa, giornalista e conduttrice radiofonica. Finale a settembre con un quarto ed ultimo appuntamento che sarà svelato prossimamente. A moderare i dialoghi Azzurra d’Agostino, poetessa, scrittrice e presidente dell’Associazione SassiScritti

avatar