🎧 Giani, obbligo vaccinale e sperimentazione monoclonali vada avanti

Giani
©Controradio
🎧 Giani, obbligo vaccinale e sperimentazione monoclonali vada avanti
/

Firenze, il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, ai margini di un evento, ha rilasciato alcune dichiarazioni sulla situazione della pandemia nella regione, e su quali dovrebbero essere, a parer suo, le strategie da seguire per contrastarla.

“Il virus è cambiato – ha detto il presidente Giani ai nostri microfoni – c’è una diffusione esplosiva sul piano dei contagi, stamattina 2700 contagi, in Lombardia addirittura si superano i 10000 contagi, ma contemporaneamente non vediamo l’appesantimento degli ospedali. Ieri noi abbiamo avuto 12 persone in ospedale e tre terapie intensive: rispetto all’aumento dei contagi è nulla”.

“È vero che noi non abbiamo le caratteristiche per entrare in zona gialla né a Natale né a Capodanno, perché siamo al 7,11 della percentuale dei posti letto occupati, quando il limite che ci porta in zona gialle sarebbe il15%, quindi vedendo questi ritmi non c’è una preoccupazione del genere – ha spiegato Giani – Naturalmente di fronte ad un virus cambiato, che porta la positività, ma che la positività te la gestisci in casa, è evidente che sei preoccupato, ma devi impostare anche una strategia, io la strategia la vedrei nell’obbligo vaccinale perché di fronte ad una situazione di questo genere non è giusto che la società nel suo complesso: i 3 milioni e 668 mila toscani, abbiano ancora mezzo milioni di persone che non sono vaccinate, quindi chi può deve vaccinarsi e contemporaneamente la prospettiva di una cura oltre del vaccino, la cura fra l’altro in Toscana ce l’abbiamo, l’ anticorpo monoclonale creato a Siena, ma il fatto che lo stiano trascinando in un anno di sperimentazioni in una situazione pandemia io francamente incomincio sempre meno a capirlo”.

“La sperimentazione non la fanno fare perché il garante della privacy vuole che il medico non sia a sollecitare le persone che diventano positive, ecco di queste cose, in una situazione del genere, io sempre meno le capisco. Quindi faccio l’appello perché la sperimentazione vado avanti e l’anticorpo monoclonale creato dal professor Rappuoli e dal suo staff possa entrare nell’uso corrente comune”.

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments