Giani, nuovi lavori Fi-Pi-Li necessari per la sicurezza. Ponte fra Lastra a Signa e Signa inizio lavori nel 2024. Piombino: Stiamo lavorando alacremente”

Giani

Firenze, il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, parlando a margine di un evento ha toccato alcuni punti che riguardano i lavori alla viabilità dell Toscana.

I lavori di manutenzione che stanno per riprendere sulla Sgc Firenze-Pisa-Livorno “sono necessari: quindi, se ci sarà disagio, rendetevi conto che sono lavori urgenti per la sicurezza stessa delle persone”, ha detto il presidente Giani.

“Contemporaneamente lavoreremo – ha proseguito Giani -, proprio ieri abbiamo fatto la riunione sul bilancio del 2023, e mettiamo le risorse, perché possa essere fatta la Toscana Strade Spa. Dai primi progetti che farà Toscana Strade Spa, quando si faranno i lavori non saranno solo di manutenzione ma saranno di allargamento, laddove possibile la terza corsia, laddove possibile la corsia di emergenza, in modo da allargare e far fare un salto di qualità alla Fi-Pi-Li”.

Secondo Giani, per migliorare la Fi-Pi-Li “sia il Pnrr, sia i fondi europei prevedono interventi sulla mobilità solo sul ferro, e solo su tutto ciò che è fondato sulle emissioni zero, quindi non viene dato un soldo sulle strade. Di conseguenza ci dobbiamo attrezzare facendo questa società, la Toscana Strade Spa”.

Parlando del nuovo ponte fra Lastra a Signa e Signa, “la Valutazione di impatto ambientale, a condizioni è stata positiva, e noi stiamo procedendo il più possibile rapidamente per portare a iniziare i lavori nel 2024”.

Il ponte fra Lastra a Signa e Signa è “una delle deviazioni della Fi-Pi-Li alla fermata di Lastra a Signa, che consentirà una capacità doppia nel far attraversare l’Arno, opera importante per tutta l’area fiorentina, è stata ormai resa definitiva”.

In generale, ha spiegato il governatore, bisogna lavorare perché la strada in questione sia “più in grado di raccogliere l’ondata di traffico che oggi porta sulla Fi-Pi-Li ad avere più di 60mila veicoli al giorno”.

In vista dell’ultima riunione della conferenza dei servizi per il rigassificatore di Piombino  il 21 ottobre ha detto poi Giani cambiando argomento, “sarà un settimana intensa. Io mi sto concentrando sulla stesura del memorandum Piombino perché noi arriveremo, accanto all’autorizzazione, ad approvare con delibera di Giunta il memorandum delle opere che noi vogliamo per l’eventuale posizionamento del rigassificatore, per far questo auspico anche la collaborazione di chi oggi dice no perché dobbiamo arrivare a un punto di incontro”.

“Stiamo lavorando alacremente – ha aggiunto Giani che dovrà esprimere il suo parere definitivo entro il 27 ottobre – stamani abbiamo lavorato sui documenti che stanno continuamente arrivando non solo dai 35 enti ammessi alla conferenza dei servizi, ma anche da Cgil, Cisl e Uil, stamattina ho avuto proprio modo di lavorare sul documento inviato dal sindacato. E’ tutto un arricchimento per poter arrivare il 21 ottobre a formulare quello che potrebbe essere il parere favorevole che avrà tutte le sue prescrizioni tenendo conto di tutto questo”.

Precendente articoloSollicciano, altro suicidio di un detenuto. Uilpa: “È una vera strage”
Prossimo articoloRock Contest 2022: il calendario. Ospite della finale, Emma Nolde.
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments