Dom 21 Lug 2024

HomeToscanaCronacaStadio Franchi, Fossi: "Firenze si impegna, il Governo un po' meno"

Stadio Franchi, Fossi: “Firenze si impegna, il Governo un po’ meno”

Due pesi e due misure? Forse. La questione è quella dello stadio Artemio Franchi e l’affondo arriva direttamente dal segretario regionale e deputato del Pd Emiliano Fossi. Secondo i Dem, il Governo non si sta impegnando a sufficienza per garantire il finanziamento della parte mancante del progetto stadio di Firenze.

Per il restyling dello stadio Artemio Franchi, “quello che sta cercando di fare il sindaco di Firenze è di collaborare con il governo per trovare le risorse che mancano. Ma bisogna essere in due: mi pare che il Comune di Firenze si stia impegnando al massimo, mentre dall’altra parte mi sembra che sia qualche qualche carenza”.

Prosegue ancora Fossi sul Franchi. “Guardo con un pochino di preoccupazione – ha spiegato – al fatto che, per esempio, per quanto riguarda Venezia ci si interessa, per quanto riguarda Firenze non vedo lo stesso tipo di interesse. Questo lo posso dire più da deputato dell’area fiorentina magari, ma l’ho detto anche attraverso un comunicato stampa e attraverso degli atti che presenteremo col collega deputato Gianassi nei prossimi giorni”.

Nei mesi passati, ha sottolineato il segretario del Pd regionale, “era stato impostato un lavoro di collaborazione istituzionale dal Comune di Firenze e il governo nazionale che mi pare discutibile mettere in discussione solo perché cambia il colore politico del governo. Mi pare ci sia un tanto di politicizzazione, di strumentalità da parte del governo più che da parte degli altri”.

Della questione ha parlato anche il sindaco Nardella. “E’ in corso un confronto costante col governo e col ministro Fitto. Se è stata trovata una soluzione per la città di Venezia per una cifra quasi doppia a quella di Firenze credo sia doveroso per tutte le istituzioni trovare una soluzione analoga per il Franchi. Non posso credere che si possa fare un dispetto o un’ingiustizia così grande verso Firenze e i fiorentini”.

“Senza fare polemiche continuo a lavorare con senso delle istituzioni e a tenere un dialogo aperto e costruttivo col governo, in particolare col ministro Fitto – ha aggiunto -. Se in questi nove anni mi fossi fermato di fronte alle sfide grandi e difficili dello stadio a quest’ora non avrei il supporto e il riconoscimento dei cittadini. Mai fermarsi, bisogna andare avanti con umiltà e rispetto di tutti”.

Rock Contest 2023 | La Finale

Sopravvissute, storie e testimonianza di chi decide di volercela fare (come e con quali strumenti)