Mer 17 Apr 2024

HomeToscanaCronacaForteto, l'Italia risarcirà vittima abusi

Forteto, l’Italia risarcirà vittima abusi

A presentare il ricorso a Strasburgo è stato l’avvocato Giovanni Marchesi indicando che le autorità non hanno protetto la sua assistita, di cui sono rese note solo le iniziali L.F., dai trattamenti inumani e degradanti subiti all’interno della comunità del Forteto

Lo Stato italiano risarcirà una delle vittime della comunità il Forteto, il cui fondatore è stato condannato in via definitiva nel 2019 per abusi su minori e maltrattamenti e su cui sono state aperte numerose inchieste anche parlamentari.

L’Italia ha accettati di farlo davanti  alla Corte europea dei diritti umani. A presentare il ricorso a Strasburgo è stato l’avvocato Giovanni Marchesi indicando che le autorità non hanno protetto la sua assistita, di cui sono rese note solo le iniziali L.F., dai trattamenti inumani e degradanti subiti all’interno della comunità    nonostante fossero a conoscenza della condanna penale pronunciata nel 1985 dei due principali leader de il Forteto per abusi sessuali e maltrattamenti, e di una sentenza della stessa Cedu del 2000.

Nella decisione pubblicata dalla Corte si dice che il governo e l’avvocato hanno raggiunto un “accordo amichevole” per cui le autorità si impegnano a pagare 35mila euro per danni morali e altri 2mila per le spese legali, mentre L.F. accetta di rinunciare a ogni ulteriore pretesa nei confronti dell’Italia per i fatti contestati. “L.F. è rimasta 30 anni nella comunità il Forteto”, dice l’avvocato Marchese che dichiara di “essere dispiaciuto” di un risarcimento secondo lui “basso” ma anche del fatto che la Corte di Strasburgo abbia dichiarato irricevibili gli altri 15 ricorsi che ha presentato in nome di altre vittime de il Forteto, e i cui casi “sono molto simili” a quello deciso oggi a Strasburgo.

Rock Contest 2023 | La Finale

"Prenditi cura di me"