Firenze, ricettazione: arrestato numismatico 77enne

ricettazione

L’uomo  titolare di un negozio di numismatica in via Cavour a Firenze, è agli arresti domiciliari.  Per l’accusa ha ricettato  preziosi per un valore di almeno mezzo milione di euro, acquistandoli al nero e senza inserirli nel registro del negozio.

Secondo quanto spiegato dagli investigatori, l’uomo, già noto alle forze dell’ordine per reati  dello stesso tipo, sarebbe diventato negli anni uno dei punti di riferimento per la ricettazione di merce rubata o comunque di provenienza sospetta. Per questo la polizia di Firenze si è attivata, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare disposta dal gip Fabio Frangini su richiesta della pm Christine Von Borries.

L’uomo era solito ricevere  i venditori al nero in una stanza sul retro del negozio, dopo aver abbassato la saracinesca per essere sicuro che nessuno lo disturbasse e poter mettere in atto il piano di ricettazione. In un caso uno dei suoi fornitori, quando è stato fermato dalla polizia, poco dopo essere uscito dal negozio, aveva con sé una valigetta con 27.000 euro e 6.900 dollari. La cifra, sospettano gli investigatori, sarebbe stata pagata dal negoziante in cambio della merce.

Negli scorsi giorni, nel suo negozio e nella sua abitazione, la polizia di Firenze ha sequestrato centinaia di oggetti rubati o comunque di provenienza non certa, tra gioielli in oro, pietre preziose, orologi di lusso, argenteria e perfino alcuni reperti archeologici, che il 77enne utilizzava anche per arredare il salotto di casa

avatar