Mer 21 Feb 2024

HomeToscanaCronacaFirenze, Nardella: "Bella idea intitolare via a Tina Anselmi"

Firenze, Nardella: “Bella idea intitolare via a Tina Anselmi”

Il sindaco di Firenze accoglie con entusiasmo la proposta della giornalista Sandra Bonsanti. Tina Anselmi è stata presidente della Commissione parlamentare sulla P2 e prima donna ministro.

“Ho letto con interesse la proposta di Sandra Bonsanti di intitolare una piazza, una strada a Tina Anselmi. Credo che sia una bellissima idea”. Lo ha detto il sindaco di Firenze, Dario Nardella, oggi a margine di un evento a Palazzo Vecchio riguardo a un appello della giornalista Sandra Bonsanti, pubblicato ieri sull’edizione fiorentina della Repubblica, per intitolare una strada a Tina Anselmi, già presidente della Commissione parlamentare sulla P2. “Stiamo già esaminando con attenzione la proposta – ha aggiunto Nardella – per trovare un luogo idoneo a essere intitolato con il nome di questa grande donna, di questa grande italiana”.

L’assessore alla toponomastica Andrea Vannucci ha detto “stiamo lavorando con gli uffici per trovare un luogo idoneo, all’altezza di Tina Anselmi. E’ molto bella la proposta della presidente emerita di Libertà e Giustizia Sandra Bonsanti di intitolare una strada o una piazza. L’1 aprile porteremo la proposta in commissione toponomastica e mi piacerebbe poter tenere la cerimonia di intitolazione il 2 giugno, in occasione della Festa della Repubblica”.

Il nome di Tina Anselmi, ha concluso, “è sicuramente legato alla commissione di inchiesta sulla loggia P2 ma anche a molto altro: è stata la prima donna a essere nominata ministro della Repubblica italiana”. Si tratta di “un personaggio di spicco per tutti i primi decenni dell’Italia nata dalla Costituzione del 1948. E’ molto bello, quindi, che nella toponomastica cittadina, accanto alle figure che hanno ricostruito l’Italia del dopoguerra, ci sia posto per Tina Anselmi, che quella storia ha contribuito a scrivere in prima persona”.

Rock Contest 2023 | La Finale

"Prenditi cura di me"

UNA VITA TRA DUE RIVOLUZIONI.