Firenze: Dormentoni (pres Q4) sospende servizio ‘volontari per sicurezza’

Sicurezza

Il gruppo aveva  avviato l’altro ieri la sua attività nella zona dell’Isolotto, spiegando di avere aver ricevuto l’ok anche dalla presidenza del Quartiere. Nella serata di ieri il dietrofront: i siamo resi conto che un servizio di questo tipo, delicato e complesso, anche se volontario e gratuito, deve essere valutato più attentamente”

Contr’ordine compagni. Dopo averlo approvato, il presidente del Q4 di Firenze, Mirko Dormentoni, nella serata di ieri ha stoppato il progetto di controllo del territorio affidato ai ‘volontari per la sicurezza’ . il gruppo aveva  iniziato un’attività di osservazione e monitoraggio con pettorina di riconoscimento presso i giardini della BiblioteCaNova Isolotto. “Con l’assenso del sottoscritto” conferma Dormentoni.

Poi però ” abbiamo fatto un approfondimento e ci siamo resi conto che un servizio di questo tipo, delicato e complesso, anche se volontario e gratuito, deve essere valutato più attentamente ed eventualmente essere inquadrato e regolato da rapporti formali tra amministrazione comunale e associazione”, “ho chiesto quindi a quest’associazione di sospendere il servizio”. ha affermato  il presidente del Quartiere 4.

“Ricordo che il controllo e la garanzia dell’ordine pubblico spetta allo Stato, al ministero dell’Interno, alla prefettura e alle forze dell’ordine – aggiunge Dormentoni -. La sicurezza urbana da parte nostra si fa prima di tutto con il presidio sociale e culturale del territorio, come è scritto a chiare lettere nel nostro programma di mandato e come cerchiamo di fare da anni, sia in quantità che in qualità. Moltissimi riconoscono il grande attivismo del Quartiere 4 da questo punto di vista”.
“Personalmente sono anche favorevole al controllo di vicinato”, conclude “ma seguendo la normativa e le regole che ci siamo dati tramite il protocollo firmato in prefettura dal sindaco”.

Ieri  i consiglieri comunali di Sinistra progetto comune Antonella Bundu e Dmitrij Palagi, e il consigliere del quartiere 4 Filippo Zolesi avevano tuonato contro la decisione: “il tema della sicurezza deve essere affrontato e non cavalcato dalla politica, altrimenti si continua ad alimentare un brutto clima sociale. Siamo molto preoccupati dalla notizia di una pattuglia di osservazione volontaria nel Quartiere 4, perché apre a uno scenario che mette in discussione lo stesso assetto costituzionale. Chiederemo al presidente di Quartiere e alla Giunta comunale spiegazioni su quanto avvenuto, sulla natura del consenso che sarebbe stato dato dal Quartiere”.

Di taglio opposto il commento del  capogruppo Fdi in Consiglio regionale Paolo Marcheschi , il quale sottolineava  che “con gli osservatori per la sicurezza è stato messo in pratica ciò che a più riprese avevo proposto per Firenze in campagna elettorale, quando lanciai l’idea dei City angels. La cosa che stupisce è che quando la proposta fu lanciata da noi ci attaccarono dicendo che le nostre sarebbero state delle ronde”, “adesso invece hanno dato il via libera agli osservatori.

L’amministrazione comunale deve adempiere ad un protocollo d’intesa firmato il 30 ottobre 2018, da prefetto e sindaco di Firenze, che istituisce i controlli di vicinato”.

0 0 vote
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments