Farmaci: Quartini (M5S), evitare prescrizione Lucentis

lucentis

“La Regione si attivi subito per evitare che la sanzione da 180 milioni di euro comminata dall’Antitrust alle aziende farmaceutiche Novartis e Roche” sul caso del risarcimento per il farmaco Lucentis, “vada in prescrizione il prossimo 27 febbraio”. Lo ha detto il consigliere regionale M5s Andrea Quartini, intervenendo oggi sulla questione.

Dal risarcimento, ha ricordato, la Toscana dovrebbe recuperare tra i 10 e i 30 milioni di euro. “Anche se per far partire la prescrizione si dovesse aspettare la sentenza del Consiglio di Stato – ha spiegato Quartini -, nulla vieta di agire cautelativamente. Se non venisse fatto nulla e ci si rimettessero i soldi si potrebbe ipotizzare un danno erariale”.

La questione, ha ricordato l’esponente M5s, nasce dal risarcimento al Servizio sanitario nazionale imposto dall’Antitrust alle due case farmaceutiche accusate “di aver fatto cartello per il trattamento della maculopatia retinica, malattia che colpisce molte persone sopra i 70 anni e porta alla cecità”, facendo in modo che “venisse utilizzato Lucentis, il farmaco più costoso”.

“I due farmaci – ha aggiunto Quartini -, Avanstin e Lucentis, erano assolutamente sovrapponibili ed equivalenti, solo che il Lucentis costava 70 volte di più, con un costo aggiuntivo per l’Italia valutato in 2,1 miliardi di euro”. Dopo un primo ricorso respinto dal Tar e il pronunciamento dell’Alta corte di giustizia europea, che ha dato torto alle aziende, “siamo in attesa che il Consiglio di Stato si riunisca per sancire tutto questo – ha concluso Quartini -. Oggi siamo preoccupati perché la sanzione dell’Antitrust risale al 27 febbraio 2014 e ora si rischia la prescrizione”.

avatar