Elisoccorso: da Regione Toscana stanziati 18 mln nel 2019

elisoccorso

Ammontano a 18,3 milioni di euro destinate dalla Regione per lo svolgimento del servizio di elisoccorso nel 2019: lo stabilisce una delibera approvata nel corso dell’ultima seduta della Giunta toscana, su proposta dell’assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi.

Il finanziamento complessivo, spiega una nota, sarà così ripartito: 6,7 milioni per l’azienda sanitaria Toscana nord ovest (dove opera l’apparecchio Pegaso 3), 7,5 milioni per la Toscana sud est (Pegaso 2) e 4,1 milioni alla Asl Toscana centro, dove è in servizio il Pegaso 1 (Firenze). Gli elicotteri Pegaso 2 e 3 svolgono anche servizio di elisoccorso notturno mentre il Pegaso 1 solo diurno.

Nel 2018 gli elicotteri Pegaso hanno effettuato 2.541 missioni di soccorso sanitario (Hems) che hanno garantito il trasporto del paziente direttamente dal luogo dell’evento all’ospedale; nel 2017 le missioni erano state 2.170, nel 2016, 2.056.

“Il servizio di elisoccorso è prezioso perché consente di prestare assistenza in tempi rapidi in ogni lembo della Toscana, sulle isole e nei luoghi più difficilmente raggiungibili dalle ambulanze – sottolinea l’assessore Stefania Saccardi – In questi anni abbiamo cercato sempre di migliorarlo, rafforzarlo e renderlo più efficiente. Dal novembre 2017, per esempio, sul Pegaso 2 che vola da Grosseto, è in funzione la tecnologia Nvg, che consente di aumentare la qualità e la sicurezza del volo notturno”.

La tecnologia Nvg (Night vision goggles) consiste in visori a intensificazione di luce, che consentono ai piloti una visione migliore durante il volo notturno. Nel 2018, il Pegaso 2 di Grosseto ha svolto 254 missioni notturne, 51 delle quali sono state portate a termine solo grazie all’ausilio dei visori notturni.

avatar