Controradio Infonews: le principali notizie dalla Toscana, 28 aprile 2021

martina rossi
Martina Rossi

Controradio Infonews: ultim’ora, aggiornamenti, cronaca ed eventi in Toscana nella sintesi mattutina di Controradio. Per iniziare la giornata ‘preparati’.

Accelerata per la vaccinazione anti Covid in Toscana: la fornitura extra e inaspettata di 50.000 dosi di vaccino Astrazeneca  ha consentito di riaprire dalle 18 di ieri,  a sorpresa, per la fascia di età 70-79 anni il portale delle prenotazioni con migliaia di prenotazioni e con l’agenda andata già esaurita.  Sull’arrivo di scorte di vaccini si registra non solo la riapertura con Astrazeneca, ma anche gli arrivi previsti del 29 aprile tra cui circa 120.000 Pfizer.

“Questo sistema non funziona!”: si apre così la lettera aperta inviata all’assessore alla salute della Regione Toscana Simone Bezzini,  al direttore generale Estar Monica Piovi e per conoscenza ai colleghi impegnati nel concorso per infermieri attualmente in svolgimento, dai presidenti degli Ordini delle professioni infermieristiche (Opi) della Toscana che chiedono una “seria ed urgente riflessione sul sistema di reclutamento di professionisti e a selezione ancora in corso, la necessità di pianificare un nuovo concorso in tempi rapidissimi”.

Controradio Infonews: “La bella notizia dell’assoluzione di Walter De Benedetto sia un appello per il Parlamento. Il processo che da malato affetto da una rara forma di artrite reumatoide, lo ha visto al centro di una lunga battaglia per aver coltivato cannabis da utilizzare a scopo terapeutico, che il sistema sanitario non riusciva a garantirgli a sufficienza, si è concluso positivamente. Leggeremo la sentenza ma adesso è il momento che in Italia si approvi una legge che faccia un passo avanti sui temi della legalizzazione della cannabis e sulla possibilità di autocoltivarla a scopo medico”. Lo afferma l’ex consigliere regionale Enzo Brogi, attuale presidente del Corecom Toscana, promotore della prima legge regionale in Italia sull’uso terapeutico della cannabis.

 

Controradio Infonews: ‘Ndrangheta in Toscana – “Non rientra nel perimetro di una comunicazione di Giunta affrontare nel merito tale vicenda, quanto invece chiarire che l’emendamento non ha comunque prodotto né produce effetti sul regime autorizzativo di cui alla presente comunicazione”. E’ quanto si legge nella comunicazione della Giunta regionale in merito all’inchiesta della Dda che sarà fatta oggi dall’assessora all’ambiente Monia Monni e che è già stata pubblicata  nel fascicolo d’aula del Consiglio. Il riferimento è all’emendamento sui rifiuti delle concerie, oggetto delle indagini della Dda, e che fu approvato dallo stesso Consiglio regionale il 26 maggio 2020. “La Toscana non è e non sarà mai la Terra dei Fuochi: risponderemo con forza e continueremo a garantire la salute dei cittadini e dell’ambiente”. Ribadisce Monni.

Intanto questa mattina alle 11.00 davanti alla sede del Consiglio Regionale di via Cavour, in concomitanza con la seduta del Consiglio stesso, si terrà una manifestazione di protesta degli aderenti alle associazioni “Firenze Identitaria” e “Il Dirigibile Valdera”. “La manifestazione ha lo scopo di chiedere chiarezza sullo scandalo che ha investito la Giunta Regionale e il PD toscano a seguito dell’indagine dei Carabinieri sulle infiltrazioni mafiose in Toscana. In particolare sugli eco-reati commessi nei lavori pubblici nella nostra regione e sull’emendamento in materia di smaltimento dei rifiuti tossici delle concerie approvato in violazione della normativa nazionale”, si legge nella nota di convocazione dell’iniziativa.

Non ci sono prove per ritenere che la somma in contanti sequestrata all’aeroporto di Firenze, e che sarebbe stata destinata alla moglie dell’imprenditore Marco Carrai, Francesca Campana Comparini, avesse una provenienza delittuosa. Questa la motivazione con cui il riesame di Firenze a novembre 2020 annullò il sequestro di un pc, di un telefono e di documenti a carico della donna nell’ambito di un’inchiesta per riciclaggio e autoriciclaggio che la vede indagata a Firenze in concorso col marito. Gli accertamenti investigativi sono partiti dopo un controllo all’aeroporto di Firenze quando furono trovati 159.000 euro in contanti a una passeggera originaria del Togo in arrivo nel capoluogo toscano, anche lei poi indagata.

Processo di appello bis per la morte di Martina Rossi, la ventenne studentessa genovese morta il 3 agosto 2011 cadendo dal balcone di un albergo a Palma di Maiorca: imputati, per tentata violenza sessuale, sono Luca Vanneschi e Alessandro Albertoni. La sentenza al Tribunale di Firenze è  attesa per oggi, data in cui entrambi gli accusati  potrebbero rilasciare dichiarazioni spontanee prima che la corte si ritiri in camera di consiglio. Presidio di Non Una di Meno davanti al Tribunale anche oggi come per tutte le udienze.

Controradio Infonews: E’ attivo in tutte le dieci province della Toscana il Nue 112 (Numero unico di emergenza 112), il servizio che permette di richiedere l’intervento della polizia di stato, dei carabinieri, dei vigili del fuoco o del soccorso sanitario, senza più dover comporre gli attuali numeri di emergenza (112, 113, 115 e 118). Rappresenta uno strumento di coordinamento e filtro attivo per fornire una prima risposta a tutte le chiamate di soccorso di chiunque si trovi nel territorio regionale: cittadini, turisti, persone che transitano in Toscana per motivi di lavoro. I dettagli del servizio sono stati illustrati dal responsabile regionale del Nue 112 Alessio Lubrani.

 

Due persone ferite nel crollo di un ascensore avvenuto nella zona di via Senegal a Grosseto. Insieme alla coppia anche un bambino, che è rimasto illeso. Da quello che si è appreso pare che l’ascensore sia precipitato dall’altezza di due piani quando sono entrate le due persone con il bambino. Da accertare le cause del malfunzionamento: l’impianto è stato posto sotto sequestro.

Il Tar della Toscana ha dichiarato Inammissibile “per difetto di legittimazione del ricorrente” il ricorso presentato da Mario Razzanelli, consigliere comunale di Forza Italia a Firenze, contro l’esclusione della Valutazione d’impatto ambientale per il progetto della linea 3.2.1 della tramvia fiorentina, che porterà da piazza della Libertà fino al limitrofo comune di Bagno a Ripoli.
Controradio Infonews
0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments