Gio 30 Mag 2024

HomeToscanaServiziLe Comunità energetiche arrivano a Firenze. L'intervista all'assessore all'ambiente

Le Comunità energetiche arrivano a Firenze. L’intervista all’assessore all’ambiente

Logo Controradio
www.controradio.it
Le Comunità energetiche arrivano a Firenze. L'intervista all'assessore all'ambiente
Loading
/

Firenze, scatta la progettazione delle prime due comunità energetiche, nei Quartieri 4 e 5, grazie alla collaborazione tra Fondazione Cr Firenze, Comune e al supporto tecnico di Sinloc (società di consulenza partecipata da 11 fondazione di origine bancaria).

Sinloc nelle prossime settimane inizierà a fare i primi passi necessari per realizzare le Comunità energetiche, una mappatura completa dei due quartieri fiorentini, sia per quanto riguarda abitazioni, insediamenti produttivi, edifici pubblici per stabilirne i fabbisogni energetici, sia per quanto riguarda i siti di produzione di energia da fonte rinnovabile (fotovoltaico, idroelettrico, eolico, biomasse) ottimali nel territorio, già esistenti o potenziali.

Saranno poi raccolte le manifestazioni di interesse: possono farsi avanti privati cittadini, soggetti economici, attività produttive e associazioni, aziende, piccole e medie imprese, soggetti pubblici.

Una volta definiti benefici attesi e la stima dell’impatto economico, sociale e ambientale del progetto sul territorio e sui cittadini, verrà definito un modello gestionale e saranno varate le prime Cer fiorentine. Saranno i plessi scolastici a ospitare i primi impianti di produzione.

Lo studio di fattibilità nell’attuazione del percorso di costituzione delle Comunità energetiche rinnovabili, è stato spiegato nel corso della conferenza stampa di presentazione, dovrebbe concludersi in sei mesi per essere pronti per la progettazione e la partecipazione ai bandi della Regione Toscana che sono attesi per la seconda metà del 2023.

Secondo il presidente di Fondazione Cr Firenze Luigi Salvadori “è il momento giusto per agire, pensando a nuove forme che possano agevolare il risparmio favorendo anche le fasce più deboli della popolazione”.

“Le Cer sono il futuro – ha dichiarato l’assessore all’ambiente Giorgio – e noi vogliamo che Firenze sia protagonista nella transizione ecologica, per questo raccogliamo la sfida. In città due terzi della Co2 è prodotta dagli edifici: lavorare per la produzione di energia da fonti rinnovabili è quindi fondamentale per muoversi verso la neutralità climatica. Con le Cer teniamo insieme più obiettivi: produrre energia rinnovabile, abbattere le bollette e la povertà energetica, ricostruire la comunità territoriale, dare più competitività a imprese e attività che aderiranno al progetto. Il Comune avrà un ruolo proattivo promuovendo le Cer, saremo soggetto promotore, aggregatore, produttore e consumatore”.

Intervista all’assessore all’ambiente, Andrea Giorgio

Rock Contest 2023 | La Finale

Sopravvissute, storie e testimonianza di chi decide di volercela fare (come e con quali strumenti)