Sab 20 Lug 2024
HomeToscanaCronacaCaso Duccio Dini: annullate quattro condanne, ricalcolo pene in appello

Caso Duccio Dini: annullate quattro condanne, ricalcolo pene in appello

Caso Duccio Dini – La Corte di Cassazione ha annullato la condanna a 22 anni di reclusione per Kjamuran Amet e Remzi Amet, Dehran Mustafa e Antonio Musafa per la morte di Duccio Dini, il fiorentino di 29 anni travolto e ucciso da un’auto impegnata in un inseguimento tra clan di rom, la mattina del 10 giugno 2018.

I giudici hanno disposto che si svolga a Firenze un nuovo processo d’appello, il terzo, esclusivamente al fine di ricalcolare la pena per i quattro imputati. Già nel marzo 2023, la Suprema Corte aveva annullato le condanne fino a 25 anni e due mesi inflitte dalla Corte d’appello di Firenze a quattro partecipanti all’inseguimento di Rufat Bayram, ordinando un processo d’appello bis per rideterminare la pena tenendo conto dell’attenuante dell’articolo 116 del codice penale.

La norma prevede una sanzione inferiore per chi, come loro, volevano compiere un reato diverso da quello commesso. Con quella stessa sentenza, gli Ermellini avevano confermato la condanna a 25 anni di reclusione con l’accusa di omicidio volontario con dolo eventuale per Remzi Mustafa, l’uomo alla guida della Volvo che investì Dini, che era fermo al semaforo in via Canova. Era stata anche confermata la pena di 7 anni per Kole Amet ed Emin Gani per tentato omicidio: i due a bordo di un furgone avevano preso parte solo alla fase iniziale dell’inseguimento di Rufat Bayram a causa di un guasto alla ruota che li costrinse a fermarsi.

Duccio Dini, quel giorno, stava andando al lavoro e, in sella al motorino, era fermo al semaforo in via Canova, quando fu investito dalla Volvo che correva a folle velocità, venendo sbalzato. Secondo quanto già ricostruito dai giudici, fu vittima di un raid punitivo pianificato per una faida tra famiglie rom.

I genitori di Duccio non hanno partecipato all’udienza  e ne attenderanno la motivazione. Solo sconcerto per un iter giudiziario che porterà prevedibilmente ad una rideterminazione al ribasso delle condanne.

Definitive invece le sentenze di condanna per a 25 anni per il conducente della Volvo Mustafa Remzi, sia per l’omicidio volontario di Duccio che per il tentato omicidio di Bajram. Definitive anche le due condanne a sette anni (per tentato omicidio) di Kole Amet ed Emin Gani, che parteciparono all’inseguimento ed attualmente in carcere.