Casa Spa a Salvini: “Da Governo nessun finanziamento e pressione fiscale raddoppiata”

casa
Luca Talluri, Casa Spa

Dopo le dichiarazioni del Ministro Salvini sul Corriere della Sera – «Sono sconvolto. Toscana, Piemonte e Umbria contro il decreto sicurezza? Mi sto facendo mandare il numero dei cittadini delle tre regioni che aspettano una casa popolare: mi fa specie che ci siano sindaci e governatori che invece di fare il loro lavoro si preoccupano di cose del governo. Mi fa specie l’ignoranza di alcuni governatori, penso a quello del Lazio, che parlano di diritto alla salute violato: se oggi un immigrato fa ricorso al pronto soccorso, gli vengono concesse tutte le cure necessarie» il Presidente di Federcasa e di Casa SPA Luca Talluri dichiara:

“Non perda tempo il Ministro Salvini a farsi mandare dati dai suoi funzionari sulle gestione dell’edilizia residenziale pubblica a Firenze (tema per altro di competenza del Ministro Toninelli), i numeri sono molto chiari:

Tra il Comune di Firenze e gli altri 29 Comuni della Provincia fiorentina di Casa Spa, gestiamo oltre 13.000 alloggi, di cui oltre 12.800 di Edilizia residenziale pubblica, cresciuti dal 2014 ad oggi di oltre 500 unità e questo anche grazie ai Governi Renzi e Gentiloni, che, dopo il blocco assoluto di investimenti avvenuto nel 2008, con la legge di riforma 80/2014 ha stanziato di 321 milioni di euro; e con queste risorse è stato possibile ristrutturare ben 450 nuovi alloggi e assegnarne a nuove famiglie 733.

Il nostro territorio, come tutta la Toscana ha però grande bisogno di continuità nelle politiche per la casa e per l’edilizia residenziale pubblica ed invece abbiamo letto come nella sua prima legge di bilancio del nuovo Governo sono state stanziate € 0 di risorse per il 2019 al netto del dato oggettivo che vedrà Casa SPA e le altre Aziende di gestione ERP toscane dover pagare una aliquota IRES raddoppiata.

Si ricordi il Ministro – aggiunge Talluri nella replica –  prima di chiedere cosa stiamo facendo per dare case popolari ai cittadini, che gli stanziamenti per questo settore sono di competenza di questo Governo, che oltre a non aver stanziato nulla, ha raddoppiato la pressione fiscale sulle Aziende di gestione.

Inoltre, da Presidente nazionale di Federcasa, Associazione di tutti i gestori di case popolari d’Italia, faccio presente al Ministro  – conclude il presidente di casa Spa – che dovrebbe preoccuparsi di garantire il prelievo alla fonte di chi riceverà il reddito di cittadinanza ed è inquilino moroso di case popolari e di sbloccare ciò che il suo Governo tiene bloccato, ovvero la delibera Cipe del 22-12-2017 del governo PD, che prevede 350 mln di euro per nuove costruzioni di Case popolari”.

avatar