Campi Bisenzio: riuso scarti alimentari ed emporio solidale

Da 16 a 18 novembre Festival dell’economia civile.

Ideare un pranzo con gli scarti alimentari, riqualificare gli spazi di una fabbrica dismessa,
promuovere i progetti dei giovani e far loro strada nelle imprese, condividere utensili per ristrutturare casa in cambio di volontariato civico. Sono alcune delle buone pratiche che
rimbalzeranno tra uno stand e l’altro della seconda edizione del festival dell’economia civile di Campi Bisenzio, in programma dal 16 al 18 novembre a Campi.

“Campi è diventata la prima città italiana a sperimentare l’economia civile, creando un distretto e dandogli corpo e gambe attraverso la sua attività istituzionale – ha detto il sindaco di Campi, Emiliano Fossi – Saranno tre giorni intensi, dove faremo vedere quanto costruito fino ad adesso e metteremo altro progetti in cantiere”.

Tra i progetti più ambiziosi la riqualificazione urbana dell’edificio di via Alfieri, un’ex
tintoria da 15.600 mq ormai in stato di abbandono che sarà oggetto di un piano di recupero con la creazione di spazi residenziali, commerciali e attività a uso pubblico ma che nel frattempo diventerà il quartier generale del nuovo piano strutturale partecipato del Comune di Campi.

“Da tempo con il progetto CollaboraToscana stiamo seguendo lo sviluppo della cosiddetta economia collaborativa e partecipata, ulteriore sviluppo della sharing economy – ha sottolineato l’assessore alla Presidenza ed alla Partecipazione della Toscana, Vittorio Bugli – Siamo convinti che forme di economia e governance basate sulla cogestione e sulla coproduzione possono aiutare lo sviluppo dei territori e costituire una risposta che rigenera le comunità locali con esperienze che hanno buoni effetti economici, ma anche sociali”.

“La Toscana è sempre più leader e capofila dell’economia civile – ha evidenziato Matteo Biffoni, presidente di Anci Toscana. Presentate le iniziative del primo distretto nazionale, tra questi ‘iltroppobuono’ e l’emporio sociale: ‘Mani in pasta’ e ‘Fai da Noi’. Il primo contro lo spreco alimentare vedra’ protagonisti 150 bambini delle scuole elementari coinvolti in un percorso educativo iniziato in classe. I bimbi creeranno un menù fatto interamente con gli
scarti e poi pranzeranno insieme ai loro genitori e insegnanti. Mentre il secondo, realizzato insieme a Leroy Merlin, vedrà utensili per ristrutturare o decorare casa a disposizione di tutti, in prestito e gratuiti, in cambio di attività di volontariato socialmente utili.

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments