🎧 Bufera Santo Spirito: quei ‘chiodi’ nell’occhio difesi dalla Soprintendenza

Santo Spirito
🎧 Bufera Santo Spirito: quei 'chiodi' nell'occhio difesi dalla Soprintendenza
/

Del cordonato di Santo Spirito più che la bellezza è centrale la funzione. Il soprintendente di Firenze, Andrea Pessina, sintetizza così la sua posizione dopo le polemiche scaturite attorno al sagrato della basilica. Gli Architetti parlano di assenza di una visione progettuale.

“E’ bene chiarire che si tratta di una cosa temporanea, appoggiata sul sacrato della chiesa, la cui unica funzione è quella di delimitare l’area interessata dall’ordinanza del sindaco che vieta lo stazionamento”, lo afferma Pessina all’agenzia DIRE sostenendo l’operazione firmata dal Comune con la benedizione della stessa soprintendenza.

“L’elemento principale” del cordonato “è la funzione, senza mettere la famosa cancellata però rendendo chiari quelli che sono i limiti. In questo momento c’è un’emergenza: una richiesta da parte dei frati e dei residenti alla quale si deve dare una risposta. Una risposta temporanea”, assicura, perché “quando non ci sarà più l’emergenza verranno tolte senza problemi”.

Mettendo al centro la funzione, Pessina chiarisce un’altra questione: la bellezza dell’opera, o meglio, la sua bruttezza visti i commenti in piazza e sui social. “Non sono mica degli arredi. Probabilmente si potevano fare anche più belle, ma anche molto più brutte: quando si entra in questi campi non si trovano tre persone con la stessa opinione” e “si entra in polemiche dalle quali non c’è mai fine”.

Foto Comitato residenti Santo Spirito

E se molti si sono soffermati sulla pesantezza della cordonatura rispetto alla soluzione più leggera scelta per il Duomo, spiega: in piazza Santo Spirito sono stati scelti basamenti “sufficientemente larghi e pesanti” su cui fissare i chiodi fiorentini “per non farli diventare pericolosi. Non devono essere facilmente rimuovibili, visto che la piazza la sera è frequentata prevalentemente da giovani e a volte ci possono essere anche degli eccessi. Certe dimensioni, o particolari, giudicati non aggraziati da alcuni attenti solo all’estetica qui rispondono a esigenze di sicurezza: il Comune ha voluto evitare che qualcuno si facesse male”. Si tratta di una soluzione “abbastanza pesante così da non essere spostata facilmente, ma non così grande da deturpare il sagrato”.

“Soluzioni di questo tipo sono da considerare figlie dell’emergenza e prive di visione progettuale”. Colomba Pecchioli, presidente Fondazione Architetti Firenze, si inserisce così nel dibattito che si è sollevato sul cordonato di Santo Spirito. La fondazione, sottolinea all’agenzia Dire, “da sempre è contro le cancellate e a favore dell’uso dello spazio pubblico, che vive solo grazie alla differenziazione di utenza e funzioni, peraltro unica garanzia di sicurezza”.

In podcast: le voci dei vicini e delle vicine di Piazza Santo Spirito

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments