Bekaert: rientro in fabbrica per i 318 operai di Figline

fabbrica
Foto FIOM Firenze

I sindacati sono riusciti a posticipare di un mese, al 3 ottobre, i licenziamenti e ora l’attenzione si concentra sul futuro della fabbrica: riuscire a stringere un’intesa con Bekaert prima della chiusura del sito, e trovare un soggetto che reindustrializzi lo stabilimento.

Rientro in fabbrica oggi per i 318 operai della Bekaert di Figline Valdarno (Firenze) che, per tutto il periodo della chiusura estiva del loro stabilimento, hanno presidiato il sito per timore che fossero portati via i macchinari, dopo che la multinazionale belga Bekaert group ha annunciato a giugno scorso di voler chiudere l”impianto toscano per trasferire all”estero la produzione.

“È stato un rientro in fabbrica normale anche se mancano un po’ di materiali perché l’approvvigionamento è a rilento rispetto al normale – spiega il segretario della Fim Cisl di Firenze Alessandro Beccastrini -. I macchinari sono comunque tutti al loro posto. C’è molta soddisfazione per la visita di Sting e la lettera che il cantante ha scritto. Ha generato molta attenzione sulla nostra vicenda, anche all’estero”.

Oggi, ha aggiunto Beccastrini, “i lavoratori hanno naturalmente iniziato a chiedersi quali saranno i contorni della futura trattativa con Bekaert. Siamo riusciti a spostare i licenziamenti ma i tempi e la questione è tutta in mano a Bekaert”. Per il segretario Fim Cisl, “aiuterà moltissimo se Di Maio e il Governo faranno, come promesso, una legge sulla Cigs per cessazione”, ma poi servirà “una trattativa con Bekaert e trovare qualcuno che reindustrializzi il sito. E farlo prima del 3 ottobre”. “Di Maio ci ha detto che ci avrebbe convocato entro il 3 settembre – ha concluso – e noi l”aspettiamo”.

“Al presidio non hanno partecipato soltanto i lavoratori della Bekaert e le loro famiglie, ma anche la cittadinanza tutta, che si è resa disponibile a venire sui cancelli, per garantire una vigilanza democratica rispetto ad una legittima preoccupazione derivante da un atteggiamento di una proprietà che, vorrei ricordare, si presentò a comunicare la chiusura dello stabilimento ai lavoratori accompagnata da delle guardie del corpo private, pronta a fuggire con la coda tra le gambe, cosa che poi è puntualmente successa – scrive in una nota il segretario Fiom Cgil Firenze, Daniele Calosi –  Nel riprendere l’attività i lavoratori gestiranno in autonomia la produzione come stanno già facendo dal 26 di Giugno, dopo la fine dell’assemblea permanente e la decisione di riprendersi lo stabilimento che loro stessi avevano messo in sicurezza per evitare danni ecologici alla città di Figline dopo l’annuncio della chiusura e la fuga dei dirigenti.

Tuttavia, duole vedere come un evento di partecipazione democratica come questo sia oggi soggetto a tentativi di accaparrarsi o mettere bandierine sulla volontà e la caparbietà dei lavoratori da parte di altre Organizzazioni Sindacali, come ad esempio quanto fatto dal Segretario della FIM CISL di Firenze con un post sui social network. Curioso che ora si voglia appropriarsi di un evento come la visita di Sting che è stato gestito da tutti in un rapporto diretto anche con l’Amministrazione comunale, come è altresì curioso che si dica di non aver voluto politicizzare la vertenza per vantarsi, dopo due righe, di aver caldeggiato stringenti rapporti con alcune forze politiche del territorio. Per la FIOM il punto di riferimento sono e restano i lavoratori, e confermiamo la nostra volontà di continuare a partecipare ad ogni iniziativa che consenta di dare visibilità alla vertenza organizzata da forze politiche o associazioni democratiche.

Sempre in quel post c’è uno spunto in merito al riaprirsi dei tavoli di trattativa alla fine del periodo estivo.
E’ vero quanto dice il mio collega, ci aspetterà una discussione complicata per tutto il mese di Settembre. Allora vorrei fare alcune domande ai miei colleghi delle altre Organizzazioni Sindacali che siederanno a quel tavolo, per chiarezza verso i lavoratori, il territorio del Valdarno e tra di noi:
1) Sono disponibili la FIM CISL e la UILM UIL a scrivere unitariamente al Dott. Valerio Battista, AD di Prysmian Group Spa, per capire se è interessato allo stabilimento e ai suoi 318 lavoratori, e, nel caso, ad entrare nel merito di una possibile reindustrializzazione coinvolgendo il Ministero per lo Sviluppo Economico vista l’attività similare svolta dal gruppo e visto anche che il Dott. Battista conosce quei lavoratori da ex dirigente della Pirelli? Come FIOM CGIL già lo abbiamo fatto, ma sarebbe auspicabile proseguire insieme, cosa che dovremmo fare anche a tutti gli altri possibili soggetti imprenditoriali che potrebbero essere interessati o che veniamo a sapere esserlo.
2) Chiediamo inoltre a FIM e UILM di chiarire da subito la posizione che assumeranno al tavolo negoziale: qualora il governo non intervenga per reinserire la Cassa Integrazione per cessazione attività (come da proposta di decreto scritta dalla FIOM e sottoscritta unitariamente), visto e considerato che l’azienda può ritirare i licenziamenti e ricorrere in alternativa alla Cassa Integrazione per riorganizzazione, come FIOM, fin da ora, dichiariamo di essere del tutto indisponibili ad accordi che prevedano soluzioni diverse dalla Cassa Integrazione in alternativa ai licenziamenti e chiediamo, di conseguenza, un piano serio di reindustrializzazione dove lo stabilimento dev’essere lasciato senza alcun costo alla collettività come risarcimento del danno arrecato dalla Bekaert, per consentire così l’avvio di un percorso di reindustrializzazione ad altri soggetti imprenditoriali.

I lavoratori, ancor di più dopo lo sforzo straordinario di queste due settimane, chiedono fatti e non parole. Il prossimo incontro è fissato per il 3 di Settembre presso la Regione Toscana. Chiedo – conclude Calosi nella nota – ai segretari generali di FIM e UILM di inviare unitariamente una richiesta di incontro urgente al Ministero dello Sviluppo Economico entro il 3, quando finirà, inoltre, la sospensiva dei 75 giorni concordata l’ultima volta per superare l’Agosto”.

avatar