Balconi anti Lega per il ritorno di Salvini a Prato

Salvini

#AssembleaSullaStessaBarca ha preparato “l’accoglienza” al ministro dell’Interno che oggi 6 giugno terrà nuovamente un comizio in città questa volta in piazza Santa Maria delle Carceri alle 21.00 alla vigilia del ballottaggio amministrativo di domenica.

Nuova visita pratese per il ministro dell’Interno che torna a sostenere il candidato del centrodestra Daniele Spada per la corsa a sindaco. Ma ad accoglierlo su numerosi balconi della città stanno comparendo striscioni di NON benvenuto.

“Negli ultimi giorni stanno fiorendo striscioni sui balconi di Prato per dare il non benvenuto al ministro della discriminazione e delle minacce a giornalisti, magistrati ed oppositori politici – afferma l’associazione #AssembleaSullaStessaBarca impegnata nell’accoglienza e solidarietà  – per la seconda volta l’assenteista più illustre del governo torna a spese dei contribuenti con la sua permanente campagna elettorale anche a Prato. Per Salvini la nostra città è solo terra di conquista per le sue politiche d’intolleranza, per fare gli interessi di pochi lobbisti e speculatori a scapito dei diritti di tutte e di tutti! Ci teniamo a far presente al ministro che l’unica grande opera utile vale 49 milioni e che la Piana è piena di inquinamento e cemento, per sopportare anche il suo decreto ‘sblocca porcate’ con appalti facili”.

 

avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Capitano Recent comment authors
nuovi vecchi i più votati
Capitano
Ospite
Capitano

La vera porcata della città di prato è aver venduto il suo lavoro, la sua tradizione per un pugno di voti ed euro ai cinesi.

La storia insegna che
Quando una comunità o una città vende,perdendo piano piano la sua tradizione, i suoi usi e costumi, muore.
Più odio di questo verso una città nn esiste.
Si continua a tapparsi gli occhi, mentre prato muore.
La città deve diventare una colonia cinese prima che qualcuno faccia qualcosa?
Nn esiste un un’attività cinese in regola…
È colpa dei pratesi che fanno peggio?
O forse qualcuno dovrebbe fare qualcosa?
Chi continua a nn vedere il problema ha un odio ed un ignoranza latente verso la citta,
sempre meno interessi sotto ogni punto di vista.