Assemblea Pd di Bagno a Ripoli: il sindaco Casini resti ma con l’azzeramento delle sue deleghe

Assemblea

Bagno a Ripoli, in provincia di Firenze, è arrivata la decisione dell’assemblea degli iscritti al Pd, che si era riunita per discutere del passaggio del sindaco Francesco Casini a Italia Viva, assemblea che si era conclusa verso le 2 della notte appena trascorsa.

Si legge in una nota della riporta la segreteria locale del Pd di Bagno a Ripoli emanata dopo la conclusione dell’assemblea: “L’ipotesi di una mozione di sfiducia resta sul tavolo. Al tempo stesso, per verificare se ci possano essere i presupposti per proseguire il mandato amministrativo senza consegnare il Comune nelle mani di un Commissario prefettizio, il Pd detterà al sindaco alcune condizioni non negoziabili nell’esclusivo interesse delle cittadine e dei cittadini di Bagno a Ripoli”.

La riunione dell’assemblea discuteva del futuro della giunta comunale espressa dal centrosinistra. “Al sindaco – riferisce la segreteria locale – verrà chiesto di rimettere il mandato nelle mani della maggioranza subordinandolo, d’ora in avanti, al pieno rispetto delle condizioni che saranno indicate in un documento che, tenendo conto dei contributi arrivati dagli iscritti ieri sera, sarà poi sottoposto lunedì al voto dell’assemblea comunale del Pd”.

Secondo quanto si apprende tra le condizioni dettate dalla segreteria c’è l’azzeramento delle deleghe del sindaco, in particolare bilancio e polizia municipale, che andranno ad assessori Pd, la collegialità di ogni scelta e la revisione dei rapporti interni all’amministrazione.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments