Dom 21 Apr 2024

HomeToscanaCronaca🔊 Alcune associazioni hanno presentato un esposto in procura contro l'aeroporto di...

🔊 Alcune associazioni hanno presentato un esposto in procura contro l’aeroporto di Peretola

Logo Controradio
www.controradio.it
🔊 Alcune associazioni hanno presentato un esposto in procura contro l'aeroporto di Peretola
Loading
/

Si torna a parlare dell’aeroporto di Firenze Peretola e lo si fa in relazione non soltanto al nuovo progetto della pista, ma anche a tutte le criticitĂ  che riguardano l’attuale infrastruttura.

Mancanza di conformitĂ  urbanistica, autorizzazione di voli fuori orario e non rispetto della zonizzazione acustica: queste sono le principali inadempienze che hanno portato alcune associazioni a presentare un esposto  alla Procura di Firenze. Queste associazioni  sostengono “l’illegittimitĂ  operativa dell’attuale aeroporto” di Firenze Peretola. Le motivazioni sono state illustrate dai firmatari della denuncia tra cui Italia Nostra, Legambiente Firenze, Medicina democratica Firenze, Vas Vita ambiente salute onlus, Comitato sorvolati di Brozzi, Peretola, Quaracchi.

“Queste associazioni hanno deciso di consegnare alla Procura una serie di documenti che dimostrano le illegittimitĂ  operative dell’attuale aeroporto di Firenze” ha spiegato Gianfranco Ciulli di Vas Vita ambiente salute onlus. Ciulli cita il decreto ministeriale del 29 novembre del 2000 “che è il piano di contenimento e abbattimento acustico che doveva essere attuato dal 2003 e che non è stato ancora attuato. Piano che prevede per esempio la delocalizzazione di case, l’insonorizzazione e la climatizzazione di altre. C’è il decreto di Via del 2003 che non è mai stato ottemperato. La commissione aeroportuale rumore dice che le ‘rotte anti rumore’ sono rimaste ferme al 2002 e per legge devono essere riviste su base quinquennale”.

Secondo i promotori, continua Ciulli, “si insiste nel voler attuare la nuova pista per coprire tutte queste omissioni”. Per Lorenzo Cecchi, presidente di Legambiente Firenze, “il rischio è che questo tipo di inadempienze sia utilizzato per sostenere la necessitĂ  di fare la nuova pista, invece, secondo noi dimostra tutto il contrario. Se i soggetti che si occupano del progetto dimostrano di fare inadempienze cosĂŹ gravi e non rispettano le normative c’è da avere paura di un nuovo aeroporto. Questo ci dimostra la loro inaffidabilitĂ  e visto che non ci sono le condizioni di operativitĂ  dell’attuale scalo a maggior ragione non ci saranno sulla nuova pista”.

L’intervista a Gianfranco Ciulli nel file audio

Rock Contest 2023 | La Finale

"Prenditi cura di me"