Gio 20 Giu 2024

HomeToscanaCronaca🎧#Tuttomeritomio: torna il programma di supporto economico per studenti universitari. Ospite Chiara...

🎧#Tuttomeritomio: torna il programma di supporto economico per studenti universitari. Ospite Chiara Valerio

Logo Controradio
www.controradio.it
🎧#Tuttomeritomio: torna il programma di supporto economico per studenti universitari. Ospite Chiara Valerio
Loading
/

103 nuove ragazze e ragazzi selezionati per il 5°anno di #Tuttomeritomio, programma promosso da Fondazione CR Firenze e Intesa San Paolo che premia il talento degli studenti universitari provenienti da famiglie svantaggiate, accompagnandoli con un servizio di tutoraggio e una borsa erogata annualmente. La nuova edizione è stata presentata oggi alla Libreria-cinema Giunti Odeon con un incontro tra i ragazzi e la scrittrice Chiara Valerio.

Audio: Chiara Valerio, scrittrice

Prende avvio il quinto anno di #TuttoMeritoMio con un incontro dei giovani partecipanti con la scrittrice Chiara Valerio. Si è tenuto questo pomeriggio, alle 15, nella libreria-cinema Giunti Odeon, alla presenza dei 103 nuovi ragazzi selezionati che vanno ad aggiungersi ai 149 giovani del programma che premia il talento e il merito degli studenti provenienti da famiglie svantaggiate, promosso da Fondazione CR Firenze e Intesa Sanpaolo.

“Si pensa sempre che studiare sia un avventura soprattutto interiore, ma studiare è anche un’avventura del corpo, qualcosa che ci muove” ha detto la scrittrice Chiara Valerio, rispondendo alle domande degli studenti e delle studentesse, che vertevano soprattutto sul concetto di “merito” oggigiorno: “la parola merito non può essere appannaggio di governi conservatori, la parola merito appartiene a tutti. Nell’articolo 34 della costituzione, la parola “meritevoli” viene dopo la parola “capaci”. Per creare quella capacità ci vuole l’intenzione personale prima di tutto, e ci vuole sostegno”.

“Mi emoziona moltissimo – afferma Maria Oliva Scaramuzzi, Vice Presidente di Fondazione CR Firenze – incontrare i giovani del programma #TuttoMeritoMio. La nostra Istituzione ha una forte responsabilità nei loro confronti e, più in generale, verso le giovani generazioni. Esprimo la nostra gratitudine ai ragazzi che hanno fatto parte delle precedenti edizioni e che stanno portando avanti il loro impegno con grandi risultati e rivolgo il mio benvenuto ai nuovi arrivati a cui auguro di saper sfruttare al meglio questa grande opportunità. Le richieste arrivate dal territorio di adesione al progetto sono oltre 1.500 a conferma del desiderio di tantissimi giovani di voler far parte di questa community.”

#TuttoMeritoMio, in collaborazione con Fondazione Golinelli, l’Università degli studi di Firenze e l’Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana, aiuta giovani talentuosi che si sono contraddistinti per merito scolastico, cercando di eliminare le disuguaglianze sociali ed economiche che limitano spesso l’accesso al percorso di studio universitario. I partecipanti ammessi, che nelle cinque edizioni sono stati ben 609, sono “accompagnati” fino alla laurea. Il programma prevede, in concreto, delle borse di studio erogate annualmente (8000 euro per i fuorisede, 3500 euro per i pendolari e 3000 euro per i residenti a Firenze), con le quali i giovani possono non soltanto pagare i loro studi ma anche spese di vitto e alloggio, trasporti, attività sportive e culturali, libri, corsi di lingua, e tutte quelle attività mirate alla crescita della persona, ma anche per la crescita del loro potenziale in un percorso di mentorship con tutor di esperienza. L’unico obbligo per rimanere all’interno del programma è quello di mantenere alte le proprie performance scolastiche.

I giovani selezionati, che sono al 64% ragazze, si sono tutti diplomati con una votazione minima di 80/100 alla maturità. Il 53% ha scelto di intraprendere la carriera universitaria in area sanitaria, scientifica e tecnologica, un risultato importante nel contesto italiano, mentre il 26% in ambito sociale e il 21% umanistico. Vengono da famiglie che hanno una media ISEE di circa 12 mila euro annui e soltanto il 6% ha entrambi i genitori che lavorano. Si tratta spesso di famiglie numerose oppure monogenitoriali, condizioni difficili che avrebbero potuto condizionare il percorso di studio dei giovani, nonostante il loro impegno e risultati.

 

 

 

Rock Contest 2023 | La Finale

Sopravvissute, storie e testimonianza di chi decide di volercela fare (come e con quali strumenti)