Dom 14 Apr 2024

HomeCultura & SpettacoloCinema🎧La 44°edizione del Festival di Cinema e Donne "Millennials Frames" al Cinema...

🎧La 44°edizione del Festival di Cinema e Donne “Millennials Frames” al Cinema la Compagnia

Logo Controradio
www.controradio.it
🎧La 44°edizione del Festival di Cinema e Donne "Millennials Frames" al Cinema la Compagnia
Loading
/

La 44°edizione del Festival di Cinema e Donne “Millennials Frames” al Cinema la Compagnia: Dal 24 al 26 novembre, torna il festival di cinema femminile più longevo d’Italia. Oltre 10 film di alcune delle migliori registe contemporanee “under 35” e un programma ricco di appuntamenti e di ospiti d’onore del cinema internazionale e oltre, come la premio Nobel per la Pace Oleksandra Matviicuk.

Audio: Camilla Toschi, Direttrice del Festival e Iacopo di Passio, Presidente della Fondazione Sistema Toscana

È un mondo filtrato dallo sguardo di alcune delle migliori registe contemporanee, dalla
nuova leva di talenti al femminile internazionali, under 35 o “millenials”, autrici per la
maggior parte alla prima esperienza dietro la macchina da presa, quello raccontato dai
dieci film in programma alla 44esima edizione del Festival di Cinema e Donne, nel programma di eventi de “La Toscana delle Donne”. Il festival dedicato al cinema delle donne più longevo d’Italia, fondato nel 1979, al quale altre manifestazioni analoghe, in Italia e in Europa, hanno guardato come fonte di ispirazione e modello per un cinema libero, militante, innovativo e focalizzato sulla parità di genere, si rinnova, grazie al passaggio del testimone al team dell’Area Cinema di Fondazione Sistema Toscana.

La prima giornata del festival, il 24 novembre, inizia alle 17.30 con la consegna, da
parte della Capo di Gabinetto alla Presidenza della Regione Toscana, Cristina Manetti,
del Premio “La Toscana delle Donne – Umanità” a Paola Paoli e Maresa
D’Arcangelo, “per lo straordinario impegno profuso nel corso di oltre quarant’anni a
fianco delle donne del cinema”.
A seguire, il programma di film della giornata d’apertura testimonia il passaggio di
consegne che dà il via al nuovo corso del festival: due autrici, l’affermata cineasta
polacca di fama internazionale, presidente dell’European Film Accademy, Agnieszka
Holland e l’eclettica esordiente alla regia, Kasia Smutniak, si confrontano sullo stesso
tema, quello delle migrazioni, con due film molto diversi nel linguaggio ma
profondamente connessi nei contenuti. Della prima sarà proiettato The Green Border,
film vincitore del Premio Speciale della Giuria a Venezia 2023; mentre della seconda,
affermata attrice anche lei di origini polacche, italiana d’adozione, Kasia Smutniak,
sarà proposto il suo titolo opera prima, Mur.
La proiezione di Mur sarà preceduta, alle ore 21.00, dall’incontro dal titolo Le registe
e il racconto del presente. Le Accademie europee e il cinema, un dialogo tra Agnieszka
Holland, Presidente dell’European Fim Academy e regista, Piera Detassis, Presidente
dell’Accademia del Cinema Italiano e giornalista, Kasia Smutniak, regista e attrice.

La seconda giornata di festival si apre alle 15.30 con Malqueridas, di Tana Gilbert
opera prima, in anteprima toscana. Il film si incentra sulle storie di resistenza e
emancipazione di un gruppo di detenute-madri in una prigione cilena, tra dissidi
interiori, violenza, senso di abbandono e lontananza dalle famiglie. Il film ha vinto la
SIC – Settimana Internazionale della Critica al Festival di Venezia 80.
Si prosegue alle 17.00 con We Might As Well Be Dead, di Natalia Sinelnikova, come
il film precedente, opera prima in anteprima toscana, presentato in collaborazione con
il Trieste Film Festival. Dopo la Berlinale e il festival triestino, il film arriva alla “50
Giorni di Cinema” per raccontare un microcosmo, apparentemente tranquillo, ma che cela conflittualità, chiusure e diffidenza: il condominio. Un’allegoria dall’atmosfera
distopica e piena di suggestioni contemporanee, con registri che spaziano dal thriller
alla commedia.

Alle 18.30, uno degli eventi più importanti del festival: la proiezione del film Wartime
Notes, di Barbara Cupisti, che sarà presentato dalla regista, insieme ai produttori
Barbara Meleleo e Sandro Bartolozzi, alla presenza della premio Nobel per la Pace 2022
Oleksandra Matviichuk e della vicesindaca del Comune di Firenze, Alessia Bettini.
Il cinema appassionato e militante di Barbara Cupisti incentrato sulle tematiche al
femminile, qui è declinato sul fronte della guerra, andando ad incontrare chi ha
attraversato il confine ucraino per sopravvivere, aiutare la resistenza o chi è rimasto
nella propria terra, per continuare a lottare e a difendere il proprio paese. Dopo il film,
Oleksandra Matviichuk e il cast del film incontreranno il pubblico, in un Q&A moderato
dalla giornalista Cecilia Ferrara (evento ad ingresso libero, fino ad esaurimento
posti).

Chiude la giornata del festival il documentario About Las Year, di Dunja Lavecchia,
Beatrice Surano e Morena Terranova, altra opera prima in anteprima toscana, presentato
in collaborazione con CinematograFica, alla presenza delle registe. Siamo alla periferia
di Torino. Celeste, Giorgia e Letizia, tra i 20 e i 27, giovani donne cisgender, sono ospiti
nel mondo del ballroom, fenomeno nato a New York negli anni ’80 all’interno della
comunità LGBT, oggi presente e radicato anche in Italia. Qui possono trovare uno
spazio in cui essere se stesse, padrone del proprio corpo e al riparo da giudizi.
Domenica 26 novembre

È il film opera prima alla regia di Jasmine Trinca (presente a Firenze), Marcel, ad
aprire (ore 16.00), la terza e ultima giornata del Festival di Cinema e Donne 2023. Un
film poetico e drammatico, incentrato su una giovanissima protagonista, una bambina,
che sente di essere in competizione con Marcel, il cane di casa, nel cuore e nell’affetto
della madre. Nei panni della mamma, un’impareggiabile Alba Rohrwacher, insolita e
ginnica artista di strada. Jasmine Trinca incontrerà il pubblico in sala alle ore 16.00.
La programmazione, alle 18.00, si sposta su una rielaborazione personale, della regista
Beatrice Perego, del tema della morte, con il corto Fino alla fine, che sarà presentato
in sala dalla regista. A seguire, Hoard, di Luna Carmoon, film opera prima presentato in anteprima toscana, dopo la partecipazione alla SIC – Settimana della Critica, a Venezia 80. Lo stretto legame tra una madre e una figlia è raccontato in un vortice di sentimenti, dalla tenerezza al disgusto, accompagnato da una sorta di realismo magico. Sulla scia di
Nicolas Roeg e Ken Russell, a firma della giovanissima Carmoon (classe 1997), Hoard
è un film che mostra tutta l’audacia e lo sperimentalismo del nuovo cinema britannico.

Alle ore 21.00, chiude il festival How to Have Sex, di Molly Manning Walker, ancora
un film d’esordio presentato per la prima volta in Toscana, dopo la presentazione al
festival del cinema di Cannes, dove ha vinto il Premio come Miglior Film nella sezione
Un Certain Regard. Tre ragazze inglesi scelgono l’isola di Creta per le loro vacanze
spensierate, con poche chiare regole: dormire, bere, divertirsi e conoscere ragazzi. Tara,
in particolare, ha un obiettivo: quello di fare sesso e sbloccare così la sua timidezza,
anche se la realtà può rivelarsi diversa da come la si era immaginata e sognata.

Durante il festival il pubblico potrà votare il film preferito. Nella serata di chiusura
verranno estratti tre vincitori, tra gli spettatori che avranno partecipato con la propria
cartolina-voto, che riceveranno in premio un abbonamento per accedere agli spettacoli
del Cinema La Compagnia.

 

 

Rock Contest 2023 | La Finale

"Prenditi cura di me"