🎧 Povertà alimentare: Coldiretti, crescono gli under 15 in difficoltà

povertà
Foto Save the Children
🎧 Povertà alimentare: Coldiretti, crescono gli under 15 in difficoltà
/

Povertà alimentare: allarme di Coldiretti Toscana, sarebbero 24 mila i giovani in difficoltà a causa dell’aumento generale dei prezzi e della crisi economica che ha colpito numerose famiglie. Intervista a Fabrizio Filippi Presidente Coldiretti Toscana

La punta dell’iceberg della povertà minorile in Italia è la presenza di quasi 540 mila bambini di età inferiore ai 15 anni che hanno avuto addirittura bisogno di aiuto per bere il latte o mangiare.Lo rileva un’analisi della Coldiretti sulla base dei dati sugli aiuti alimentari distribuiti con i fondi Fead, in riferimento al nuovo rapporto Eurostat sui bambini con meno di sei anni che vive in famiglie a rischio di povertà, ovvero con redditi inferiori al 60% di quello medio disponibile.

Si tratta di una situazione destinata ad aggravarsi in autunno con l’aumento dei prezzi alimentari che costerà in media – precisa Coldiretti Toscana – alle famiglie italiane 564 euro in più solo per la tavola nel 2022, a causa del mix esplosivo dell’aumento dei costi energetici legato alla guerra in Ucraina e del taglio dei raccolti per la siccità che aumenta la dipendenza dall’estero e alimenta i rincari. Complessivamente le famiglie toscane spenderanno 900 milioni di euro in più per riempire il frigorifero.

Uno scenario che pesa sempre di più sulle famiglie. I nuclei toscani in povertà relativa sono infatti aumentati, tra il 2019 ed il 2021, di quasi un punto percentuale passando dal 5,8% al 6,7% (fonte Istat). Un’impennata del 15% che si traduce in circa 15 mila famiglie in più che si trovano in uno stato di povertà relativa, su cui ha inciso la pandemia, e che ora, con il caro bolletta, rischiano un ulteriormente peggioramento. Per arginare il caro vita, salvare i consumatori e le imprese, Coldiretti Toscana torna a ribadire il ruolo strategico della filiera corta e dei mercati contadini di Campagna Amica nel difendere le imprese agricole dalle speculazioni e dai rincari che gonfiano i prezzi al consumo ed i consumatori. “Di questo passo la tenuta sociale è in pericolo. – spiega Fabrizio Filippi, Presidente Coldiretti Toscana – Dalla pandemia in poi le famiglie, soprattutto i nuclei più fragili, hanno visto erodere gradualmente la loro capacità di far fronte alla quotidianità. Filiera corta ed acquisti direttamente in azienda, dal produttore al consumatore come amiamo ripetere, sono lo scudo più efficace contro i rincari che sono spesso ingiustificati. I vantaggi sono per i consumatori che acquistano a prezzi giusti prodotti di qualità, freschi, stagionali che non devono percorrere centinaia, se non migliaia di chilometri per arrivare sulle nostre tavole, e nemmeno restare rinchiusi in celle frigo e container per giorni. Non vengono gravati degli spaventosi costi di trasporto che poi ricadono sul prezzo finale e poi sono amici dell’ambiente. Il vantaggio per le imprese agricole è quello invece di poter vendere a prezzi che consentono margini di guadagno senza gravare sul consumatore. E’ una ricetta che in Toscana è a portata di tutti con oltre 50 mercati contadini settimanali e 500 aziende agricole che hanno il punto vendita”.

Tra le nuove strategie c’è poi il Pick Your Own, la raccolta self-service, con sempre più aziende che consentono ai consumatori di raccogliere direttamente in campo, a prezzi super calmierati, ortaggi e frutta.

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments