Turismo: ville medicee raccontate a non vedenti e ipovedenti

Turismo accessibile
Turismo: ville medicee raccontate a non vedenti e ipovedenti
/

Da oggi su Feel Florence in occasione della Giornata mondiale delle persone con disabilità. Nuova iniziativa nel ‘pacchetto’ turismo accessibile

NELL’AUDIO l’assessore al Turismo Cecilia Del Re  e Niccolò Zeppi, presidente UICI Firenze

Raccontare l’arte, Ville in ascolto’, è questo il nome del progetto (realizzato da Unione italiana ciechi e ipovedenti e associazione Libero Accesso, con la collaborazione della Direzione regionale dei Musei della Toscana, dell’associazione Amici delle Ville e Giardini medicei e del Comune di Firenze) nato con l’obiettivo di promuovere la conoscenza delle Ville medicee patrimonio Unesco anche tra persone con disabilità visiva, non vedenti e ipovedenti.

Tappe di partenza le ville di Petraia e Castello. per il progetto  sono stati realizzati materiali audio di racconto dei diversi aspetti dei complessi: storia, giardini all’italiana prospicienti le ville, e quello all’inglese di collegamento tra le due), gli interni (Petraia: il cortile, gli appartamenti reali di Vittorio Emanuele II) Castello: sede dell’Accademia della Crusca, la grotta degli animali, il primo giardino all’italiana, realizzato dal Tribolo per Cosimo I (i giochi d’acqua, le fontane, le rare collezioni botaniche). Gli audio sono stati registrati sul posto (voce narrante dell’attore Leonardo Torrini dell’Officina Teatro ‘O), nei giardini o negli interni delle ville, anche per ricreare le atmosfere di questi straordinari complessi. Il tutto è scaricabile da oggi su Feel Florence.

“Un turismo che non lascia indietro nessuno – ha detto l’assessore al Turismo Cecilia Del Re – anche grazie a progetti di fruibilità e accessibilità come quello che parte oggi in occasione della Giornata mondiale delle persone con disabilità. Un progetto audio innovativo dedicato all’accessibilità turistica delle Ville Medicee, che va ad arricchire l’offerta già ampia sostenuta dai bandi di Firenze insolita e promossa attraverso Feel Florence: il portale e la app che a un anno e mezzo dal lancio raccoglie le migliori e più innovative proposte per far vivere la città in modo sostenibile anche al di fuori dei tradizionali percorsi incentrati sui 5 kmq del centro storico”.

L’iniziativa presentata oggi si inserisce in un più ampio ‘pacchetto’ per il turismo accessibile promosso dall’assessorato al Turismo in collaborazione con soggetti e associazioni del territorio. Sul portale e sulla app Feel Florence è presente una sezione dedicata con itinerari e informazioni utili (accesso ztl, parcheggi gratuiti, noleggio gratuito sedia a rotelle, taxi, musei gratuiti). Per ogni luogo d’interesse, oltre 100 tra musei, chiese, ville, è riportata una scheda dettagliata sull’accessibilità, costantemente aggiornata.

L’assessorato al Turismo del Comune di Firenze in collaborazione con la start-up Kinoa (la stessa che ha sviluppato Kimap, l’App per la mobilità delle persone con disabilità motoria) ha realizzato il progetto ‘Passepartour’ con quattro itinerari in città accessibili su sedia a rotelle e una mappa di tutta l’area Unesco, con l’indicazione dei percorsi praticabili in autonomia (verde) e con l’aiuto di un accompagnatore (arancione). Entrambi i materiali sono disponibili presso gli Infopoint turistici e scaricabili da Feel Florence. Inoltre, alcune delle City of Florence Guide hanno conseguito una o più specializzazioni nel settore del turismo accessibile. Tra i progetti finanziati dal Comune di Firenze attraverso i bandi di Firenze insolita, rientrano i progetti ‘Patrimonio culturale accessibile’ e ‘David inSegna’ a cura dell’associazione Musei A Colazione e Gti guide turistiche italiane, con visite guidate al patrimonio anche meno noto di Firenze, accessibili a persone con disabilità motorie, visive e uditive, con interprete Lis; ‘Firenze per tutti’ dell’associazione Sup4All, per la navigazione in Arno accessibile grazie ai Sup (StandUpPaddle) adattati a persone con mobilità ridotta o su sedia a rotelle.

Per tutte queste iniziative, e non solo, Firenze ha conseguito l’Access City Award 2021, risultando tra le prime sei città europee per livello di accessibilità e per la particolare attenzione rivolta alle persone diversamente abili, in campo culturale e artistico, anche grazie alla comunicazione attraverso le nuove tecnologie digitali.

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments