Turismo: Cgil Firenze, in città invasione non sostenibile

turismo

Flusso di 15 milioni di turisti di cui 10 solo a Firenze città, un turismo che invade secondo Cgil Firenze. Interviene anche Nardella: “Collaboriamo per il bene della città”

Un flusso di “15 milioni di turisti di cui 10 solo a Firenze città, con circa 40mila lavoratori diretti, è un turismo che invade, mangia e beve la città”. Lo ha detto Paola Galgani, segretaria generale della Cgil di Firenze, nella sua relazione al congresso provinciale del sindacato. Questo turismo, sostiene, “svuota il centro dai residenti, favorendo la rendita e competendo sullo sfruttamento del lavoro, spesso femminile: un lavoro instabile, a volte a giornata, poco retribuito, con poche tutele”.

Galgani ha affermato che “pensiamo che questo sviluppo non sia sostenibile: per questo chiediamo di affrontare con coraggio, a partire dalle rappresentanze delle imprese, il tema degli appalti nei servizi per turisti, nelle grandi strutture ricettive come negli appartamenti privati e di come le amministrazioni possono intervenire sulla rendita, prendendo ad esempio le buone politiche di alcune città italiane ed europee, da Bolzano a Barcellona. Sappiamo che c’è bisogno di intervenire anche sulle norme nazionali: sosteniamo con forza la modifica delle norme sul commercio per ridare alle amministrazioni, con la contrattazione fra le parti, il loro ruolo di programmazione e di governo”.

Ha parlato anche il sindaco Dario Nardella :”Un messaggio di riconoscimento reciproco e di collaborazione così come abbiamo dimostrato in questi 4 anni e mezzo di governo della città”. Nardella ha ricordato quando, appena eletto sindaco, “mi recai davanti ai cancelli dell’Esaote con gli operai per sventare il rischio di una chiusura, oggi quell’azienda è sana, forte, con una nuova proprietà, allo stesso modo in queste settimane abbiamo lavorato fianco a fianco per salvare la Bekaert di Figline Valdarno”.

Il sindaco di Firenze rivendica anche la collaborazione sul piano sociale. “Posso ricordare – ha aggiunto – l’impegno sul piano casa lanciato con Sunia, il piano di assunzioni nell’amministrazione comunale, l’impegno comune sul fronte della creazione di nuovo lavoro”. Una collaborazione, conclude Nardella, “che mi auguro vada avanti per il bene della nostra città”.

 

avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Utente Recent comment authors
nuovi vecchi i più votati
Utente
Ospite
Utente

Cosa centra tutto ciò che ha detto Nardella con il turismo? Stiamo favorendo speculatori edilizi, medi e grandi proprietari di immobili, che con air bnb stanno, come ha detto Galgani, svuotando il centro storico dai residenti, trasformando la città in una vetrina da cui eliminare ogni singolo elemento del fantomatico “degrado”. Lo dimostra la battaglia contro le case popolari di via de’ Pepi, perchè nel centro storico i “poveri” non ci possono e non ci devono stare, per fare spazio alle solite agenzie che puntano tutto sul turismo. Tutto ciò provoca anche un aumento dei prezzi immobiliari in tutta Firenze, come nel quartiere (ex) popolare di S. Spirito o S. Frediano, dove la gentrificazione sta portando a una trasformazione sociale del tessuto urbano. E Nardella ancora spinge sull’aeroporto e si rifugia dietro due o tre mosse positive che ha fatto? Pd e Nardella sempre più ridicoli. Si spenda un po’… Leggi il resto »