Trasporti, Boni (Fit Cisl): “Il blocco delle opere infrastrutturali pesa in Toscana 5 miliardi di euro l’anno”

stefano boni
Immagine da pagina facebook Fit Cisl Toscana

“Possiamo stimare che i ritardi e il blocco delle opere infrastrutturali in Toscana pesino sul sistema industriale e in particolare sul trasporto delle merci, la logistica e l’export per circa 5 miliardi di euro all’anno”. Lo ha detto il segretario Fit-Cisl Toscana, Stefano Boni, a margine del convegno ‘La Toscana che si muove’ promosso dalla Regione Toscana a Firenze.

Secondo Boni infatti “aprendo i cantieri già autorizzati e finanziati si avrebbero nei prossimi 5 anni in Toscana oltre 100.000 posti di lavoro in più, diretti e indiretti.  L’effetto benefico sull’economia delle nuove infrastrutture, una volta realizzate, creerebbe 30.000 posti di lavoro stabili. Abbiamo un’opportunità enorme ma le opere vanno fatte”.
Molte sono le opere citate dal segretario Fit-Cisl Toscana: la realizzazione della Tav fiorentina, del tunnel e della stazione Foster; completare il raddoppio della ferrovia Pistoia-Montecatini-Lucca, della Pontremoli-Aulla, della Empoli-Granaiolo ed elettrificare la Empoli-Siena. Secondo Boni va inoltre supportato il progetto del nuovo aeroporto di Firenze cercando di superare le diatribe dei ricorsi amministrativi, “in un contesto di sistema aeroportuale toscano dove Firenze e Pisa, insieme, facciano crescere il territorio”, ha concluso.
0 0 vote
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments