Toscana: + 8% settore immobliare residenziale

compravendite toscana

Registrate 40.721 compravendite nel 2018, in aumento rispetto al 2017. Il dato è relativo a tutte le province della Toscana. Percentuali variabili tra il +13,9% della provincia di Prato ed il +3,2% della provincia di Lucca.

Con una tendenza che si registra fin dal 2011 i prezzi continuano a scendere: “Il dato 2018, suddiviso tra comuni capoluogo e resto del territorio provinciale, evidenzia una flessione a livello regionale rispettivamente dell’1,79% e del 2,99%, con un’elevata variabilità nell’ambito delle singole province. La diminuzione maggiore si registra nel capoluogo e nel resto della provincia di Pistoia, con percentuali rispettivamente del -6,22% e del -7,03%.

E’ invece tendenzialmente stabile la quotazione media del capoluogo di Firenze, con una leggera contrazione (-0,38%). Il valore medio regionale per le abitazioni nei capoluoghi si attesta a 2.092 euro/mq, mentre nei restanti comuni delle province è pari a 1.729 euro/mq. In valore assoluto le quotazioni più alte tra i capoluoghi sono quelle di Firenze, con 2.773 euro/mq, mentre quelle più basse si registrano a Pistoia (1.353 euro/mq).

Per quanto riguarda le dimensioni, la più “compravenduta è quella che va da 50 a 85 m2” e aumentano “le compravendite per i tagli che vanno da 115 m2 fino a 145 m2”.

L’analisi completa è visibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

avatar