Critico per un giorno presenta: “Eldorado”

Eldorado

🎦Firenze, il socio del Controradio Club ha l’occasione di diventare “Critico per un giorno” andando a vedere gratuitamente al Cinema La Compagnia, un film per poi recensirlo, i commenti e le recensioni verranno poi postate Controradio.it e sui social!

Giovedì 18, alle 21:00 è la volta di “Eldorado”, un documentario, di Markus Imhoof, ratings: Kids+13, durata 92 min, prodotto in Svizzera/Germania nel 2018, il film viene presentato alla presenza del regista Markus Imhoof.

‘Critico per un giorno’, è un progetto di ‘Cinema la Compagnia’ e ‘ControradioClub’, tramite il quale un gruppo di soci del Club, può assistere gratuitamente alle anteprime di film o di documentari selezionati, in programmazione al Cinema La Compagnia di Firenze, per poi essere intervistati da Gimmy Tranquillo e quindi stilare una recensione, che sarà poi pubblicata sui media di Controradio.

Se Se sei socio del Controradio Club e vuoi partecipare all’evento manda una mail, entro mercoledì 17 aprile ore 13:00, a [email protected] , specificando il tuo nome e cognome, e troverai una coppia di biglietti OMAGGIO, alla cassa del cinema.

“Eldorado” del regista svizzero Markus Imhoof (nomination agli oscar 1982 per “La Barca è piena”, nel 2012 il suo documentario “Un mondo in pericolo” dedicato alle api ha vinto diversi premi) dopo Berlino e Locarno, è stato candidato come miglior film straniero per la Svizzera agli Oscar 2018 e ha vinto il Premio Diritti Umani al Festival di Lugano.Durante la sua infanzia, alla fine della seconda guerra mondiale, la famiglia del regista ha ospitato Giovanna, una ragazzina milanese rifugiata su suolo svizzero. Dopo qualche tempo però, cambiate le leggi, Giovanna fu  rimandata in Italia dove morì giovanissima, malata e in povertà. La vicenda personale che ha segnato l’infanzia dell’autore viene dunque raccontata in modo esplicito e messa in rapporto con le migrazioni dei giorni nostri; Eldorado è quindi, anche, un documentario ‘autobiografico’ ma che si trasforma in un diario di viaggio del regista sui luoghi dei viaggi dei migranti di oggi da una costa all’altra del Mediterraneo, ma anche sui profughi in Italia e in Svizzera.
Recensioni: 
“Strepitoso documentario…Forse fin tropo edulcorato, per motivi di censura…non poteva essere altrimenti…” (Monica F.)
Intenso, denso; commovente. Interessante sia per l’ argomento sia per la modalità in cui e con cui viene trattato. Un documentario che documenta.Grazie per averci dato la possibilità di vederlo. (Anna M.)

Un documentario sui migranti, in fondo molto convenzionale, anche se toccante. Però la scelta narrativa del regista è originale ed è quella che tiene legato lo spettatore, oltre la semplice partecipazione passiva: il parallelo con un momento cruciale del suo passato e della sua vita personale. Attraverso il ricordo, la comprensione del dramma odierno si fa autentica e la retorica rimane sullo sfondo, mai ingombrante. (Carlo Z.)

avatar