Timmermans: “In Europa si tende a trascurare diritti minoranze”

timmermans
Foto tratta da pagina Facebook.

“Ho vinto le elezioni e quindi decido su tutto”, anzi “ho il potere e posso fare qualsiasi cosa per non perdere le prossime elezioni. Questa è una tendenza che si va affermando, e non solo da questa parte della Atlantico”. Lo ha detto il primo vicepresidente della Commissione europea Frans Timmermans nel suo intervento a “The State of the Union“.

Timmermans ha sottolineato la pericolosità di un trend in base al quale si tende a “trascurare i diritti delle minoranze” e “l’oppositore diventa il proprio nemico”. L’Ue è una comunità di diritto, ha aggiunto Timmermans, e la separazione dei poteri è una questione fondamentale: “Le istituzioni più potenti devono rispondere alla legge e non sono al di sopra della legge”.

“Il diritto – ha aggiunto il vice presidente della Commissione – deve essere applicato in maniera uniforme in tutti gli Stati europei e ciò è garantito solo dall’indipendenza della magistratura. La democrazia non può funzionare se si vede l’oppositore come un nemico”, ha ribadito Timmermans.

“Salvini crede di poter fare le cose con gli insulti, insulti e insulti. Poi manda una lettera alla Commissione dicendo: dateci una mano con la Libia”. Così Frans Timmermans, primo viceministro della Commissione europea, intervenenuto nel dibattito, moderato da Matteo Renzi, con il sindaco di Firenze Dario Nardella. “Gli italiani hanno ragione, l’Europa non hanno l’ha aiutata abbastanza – ha proseguito Timmermans -. Ma in realtà l’Italia non stata abbandonata dalla Commissione ma da certi Stati membri guidati dagli amici di Salvini, come Orban. I nazionalisti non hanno amici, hanno solo un obiettivo che è quello di distruggere l’Unione Europea.”

avatar