Termovalorizzatore Aamps: 21 novembre sciopero dipendenti

Fp-Cgil

Livorno, lunedì 21 novembre i dipendenti di Aamps faranno sciopero. La società dei rifiuti ha deciso di protestare per chiedere al Comune e all’azienda di non spengere il termovalorizzatore e di rispettare gli accordi sulla stabilizzazione dei precari.

“La chiusura del termovalorizzatore prevista a ottobre 2023 causerà una maggior produzione di inquinamento”, affermano le sigle Fp-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti e Fiadel, e “aumenterà l’inquinamento dovuto al trasporto su gomma, i rifiuti fino a oggi conferiti nell’impianto in zona Picchianti verranno caricati ogni anno su centinaia di camion per essere trasportati altrove”.

I dipendenti di Aamps sciopereranno anche a difesa dell’occupazione e per la stabilizzazione dei precari dato che la dismissione dell’impianto farà perdere 36 posti mentre invece “se il termovalorizzatore restasse operativo, si guadagnerebbero 36 posti di lavoro in più”.

Inoltre viene evidenziato che “lo spegnimento produrrebbe effetti negativi sulle tasche dei cittadini a seguito dell’aumento della Tari. Lo smaltimento in altre città dei rifiuti comporterà un aumento dei costi di circa 1,5 milioni di euro all’anno”.

Infine, la società partecipata Aamps dovrà sostenere costi per il pagamento dell’energia elettrica. “Ricordiamo – scrivono – che fino a oggi questo costo è stato pari a zero poichè l’azienda poteva sfruttare l’energia prodotta dallo stesso termovalorizzatore. A tutto ciò dovremo sommare i mancati ricavi per la vendita dell’energia elettrica, ambito in cui si sono recentemente registrati incassi record (in alcuni periodi il fatturato mensile relativo alla vendita di energia ha superato il milione di euro)”.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments