Un tavolino in mezzo alla strada. La protesta ad Arezzo

tavolino
Un tavolino in mezzo alla strada. La protesta ad Arezzo
/

Un tavolino con sopra una tovaglia rossa in mezzo alla strada. L’ha messo Luca Falsetti, titolare dell’Osteria Bottega, in via Fiorentina ad Arezzo, contro il nuovo decreto che da oggi, nelle zone gialle, permette la riapertura dei ristoranti, ma solo per chi ha spazi esterni. Intervista a cura di Chiara Brilli.

Falsetti lo spazio esterno non ce l’ha ma ha tutte le difficoltà economiche e lavorative di un anno di chiusure e restrizioni che hanno avuto una pesante ricaduta sul ristorante e sul suo bilancio familiare.
“Io e mia moglie abbiamo prosciugato il conto coi nostri risparmi e l’abbiamo dovuto chiudere” ci racconta.
Il tavolino rosso rappresenta “una pseudo protesta per dimostrare che chi non ha gli spazi esterni, alla fine se li prende anche in mezzo alla strada. Da oggi se c’è chi riapre, ci sarà anche chi, come me, non lo potrà fare e continuerà a fare l’asporto solo per avere quelle 100-200 euro in tasca a settimana”.
Ci parla di un Decreto che “è riuscito a fare figli e figliastri. Sono contento per i miei colleghi che hanno la possibilità di apparecchiare fuori ma il Governo non si rende conto che la metà dei ristoranti non potrà riaprire oggi perché sono a marciapiede”.
5 1 vote
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments