Gio 20 Giu 2024

HomeToscanaCronacaSvastiche a Grosseto, la denuncia dell'Anpi

Svastiche a Grosseto, la denuncia dell’Anpi

Tre svastiche e la scritta di connotazione fascista come “Boia chi molla” oltre a “Morte alla feccia rossa”. Le scritte sono apparse sulle pareti di una piccola costruzione di Acquedotto del Fiora ai margini dell’abitato di Bagnore, in località Crocina nel comune di Santa Fiora.

La scoperta è stata fatta domenica scorsa, lungo il percorso sul quale si è svolta una ‘Passeggiata partigiana’ organizzata dal’Anpi Amiata Grossetana e Piancastagnaio, dallo Spi-Cgil Lega Amiata in collaborazione con Coop Unione Amiatina. Il giorno precedente, durante i sopralluoghi preparatori, la costruzione non mostrava alcuna scritta ingiuriosa o simboli come le svastiche.

“Si tratta – dicono le associazioni Anpi a proposito delle svastiche – di una gravissima intimidazione di stampo fascista, anche in considerazione delle finalità degli organizzatori coinvolti nell’evento, costituendo un vergognoso oltraggio verso tutti coloro che persero la vita a seguito della deportazione nei lager nazisti per avere scelto di lottare contro le nefandezze degli oppressori, oltreché verso tutti coloro che hanno dato la propria vita per la libertà e la nascita della Repubblica Italiana, democratica ed antifascista”.

Da qui la richiesta alle autorità “di fare tutto il possibile per individuare i responsabili di questo ignobile atto. Da parte nostra manterremo alta la vigilanza per impedirne il ripetersi, sempre a difesa della democrazia nata dalla Resistenza la cui eredità più preziosa è la nostra Carta Costituzionale”.

Rock Contest 2023 | La Finale

Sopravvissute, storie e testimonianza di chi decide di volercela fare (come e con quali strumenti)