Sab 2 Mar 2024

HomeToscanaCronacaDonzelli senza freni: "Migranti? Evitato che sbarchi fossero di più"

Donzelli senza freni: “Migranti? Evitato che sbarchi fossero di più”

Dai migranti alla questione Vannacci, il deputato di Fratelli d’Italia Giovanni Donzelli ne ha per tutti nel parlare a Forte dei Marmi delle principali criticità a cui deve far fronte il suo Governo.

“Grazie al Governo Meloni – dice Donzelli – abbiamo evitato che gli sbarchi fossero molti, molti di più. Finalmente sono aumentati anche i rimpatri. Dalla Tunisia sono incrementati del quasi 200% le persone che sono state fermate, in buona parte il cosiddetto blocco navale tanto criticato, in accordo con la Tunisia ha cominciato a funzionare. Gli accordi internazionali portati avanti da Giorgia Meloni serviranno a dare una soluzione stabile. Non servono interventi della durata di qualche ora ma serve un approccio diverso con l’immigrazione”.

“La sinistra fino a oggi avvantaggiava il traffico illegale di esseri umani, quindi purtroppo le morti in mare, purtroppo gli scafisti. Invece oggi c’è guerra agli scafisti e all’irregolarità”, con il Governo “abbiamo riaperto i flussi regolari, chi viene in Italia per lavorare, chi rispetta le regole, chi vuole inserirsi nel nostro tessuto, chi possiamo accogliere, potrà entrare con flussi regolari. Con la sinistra questo non poteva avvenire, con la sinistra solo coi trafficanti mercanti di morte si poteva venire in Italia”, ha aggiunto Donzelli.

Sul libro del generale Roberto Vannacci dice poi Donzelli “la destra non si sta spaccando. In Italia abbiamo purtroppo una sinistra illiberale che pensa di censurare più dei tribunali e delle scelte stesse dei militari. Crosetto da ministro ha fatto quello che doveva fare, da buon ministro, cioè ha chiesto, da uomo delle istituzioni, agli organismi militari di verificare se le cose scritte da Vannacci erano o no infrazioni ai regolamenti militari”.

“Qualcuno ha fatto pure degli esposti, quindi eventualmente sarà la magistratura a valutare se Vannacci ha fatto o no dei reati – ha concluso Donzelli – Ma il Pd cosa dice? ‘Non basta’. Quindi in Italia scopriamo che c’è un partito che pensa di poter decidere più della magistratura e più degli organismi militari. Questo in democrazia non può esistere. Non esiste che il Pd abbia più potere di censurare della magistratura o dei militari, questo lo combatteremo sempre. Questa spocchia e questa arroganza della sinistra di decidere che cosa si può leggere o non leggere , scrivere o non scrivere, leggere o non leggere, è inaccettabile”.

“Io non ho nemmeno letto il libri di Vannacci. Ma – ha concluso – difenderemo sempre la libertà di espressione nei rispetti della legge, soprattutto di chi la pensa diversamente da me. A sinistra difendono solo la libertà, quella loro o quella di far dire agli altri esattamente solo cosa pensa la sinistra”.

Rock Contest 2023 | La Finale

"Prenditi cura di me"

UNA VITA TRA DUE RIVOLUZIONI.