Mar 16 Apr 2024

HomeToscanaCronaca🎧Al via lo sciopero Cgil e Uil, 'Mai più morti sul lavoro'....

🎧Al via lo sciopero Cgil e Uil, ‘Mai più morti sul lavoro’. Manifestazione in via Mariti

Al via lo sciopero nazionale di due ore proclamato da Cgil e Uil, insieme alle categorie degli edili e dei metalmeccanici, dopo la tragedia a Firenze di venerdì scorso, in cui hanno perso la vita cinque operai. E scendono in piazza chiedendo “Mai più morti sul lavoro”.

Diverse le manifestazioni territoriali organizzate dai due sindacati, la principale a Firenze, dove nel pomeriggio parteciperanno i segretari generali Maurizio Landini e Pierpaolo Bombardieri. Il presidio si terrà proprio nei pressi del cantiere del crollo. Seguiremo la mobilitazione con finestre di diretta nel pomeriggio con il nostro inviato Raffaele Palumbo.

A Roma Cgil e Uil saranno, sempre nel pomeriggio, in piazza Santi Apostoli. A Milano saranno in presidio davanti alla prefettura. Lo sciopero riguarda le ultime due ore di ciascun turno per gli addetti di Fiom, Fillea, Uilm e Feneal, mentre le altre categorie hanno programmato iniziative di mobilitazione e assemblee nei luoghi di lavoro.

“Oggi non è che l’avvio di una mobilitazione, occorre agire” per garantire la sicurezza sul lavoro. Lo dice il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, a “Start” su Sky tg24. Nel pomeriggio insieme al segretario generale della Uil, Pierpaolo Bombardieri, sarà alla manifestazione a Firenze, organizzata in occasione dello sciopero nazionale di due ore.

Sulla sicurezza sul lavoro, aggiunge, c’è stato “un silenzio assordante da parte del governo e delle imprese”, dice Landini, sostenendo che anche sul fronte sindacale “dobbiamo fare ancora di più di quello che abbiamo fatto, perché un Paese dove si continua a morire lavorando non è un Paese civile. L’obiettivo deve essere zero morti sul lavoro“. “Quello che è successo a Firenze è uno specchio di quello che oggi è il lavoro e come funziona”, rimarca Landini tornando a dire che così la situazione “rischia di essere una giungla” e sul subappalto a cascata “non è vero che lo ha chiesto l’Europa, è una bugia”. Sugli appalti privati “oggi non c’è nessuna regola. Bisogna investire sulla prevenzione, cancellare le forme precarie di lavoro, non permettere la logica del subappalto a cascata, fare formazione, assumere più ispettori e introdurre la patente a punti”, aggiunge Landini.

Audio: Daniele Calosi (Fiom Cgil Firenze)

Rock Contest 2023 | La Finale

"Prenditi cura di me"