Dom 26 Mag 2024

HomeToscanaCronacaSalviamo Firenze: "Incontro con Nardella? Prima i documenti"

Salviamo Firenze: “Incontro con Nardella? Prima i documenti”

Il sindaco di Firenze Dario Nardella si è detto disposto ad incontrare il Comitato referendario Salviamo Firenze, assicurando la volontà di discutere dell’inserimento dei quesiti nelle norme di salvaguardia così da renderle immediatamente operative, di averle assunte e condivise.

“Meglio tardi che mai, e lo ringraziamo per questa proposta di incontro” sottolinea Massimo Torelli, tra i promotori dei quesiti referendari di Salviamo Firenze, “ma la democrazia, di cui lui come sindaco dovrebbe essere garante, è anche forma e procedura: ad oggi non abbiamo ancora ricevuto dal Comune di Firenze né la memoria presentata da Nardella al Collegio degli esperti, né la documentazione prodotta, nonostante si sia richiesto su più canali l’accesso agli atti”.

Una mancanza di informazione che secondo i promotori del referendum Salviamo Firenze doveva essere garantita, e che “potrebbe aver alterato l’iter del procedimento, impedendo ai soggetti promotori di presentare le necessarie memorie e controdeduzioni. Non solo, dal 23 maggio il Comune e il presidente del Consiglio comunale non hanno trasmesso nulla al Comitato referendario e lo stesso decreto di stop alla procedura di referendum non risulta oggi essere formalmente pubblicato, nonostante la dichiarazione alla stampa del 19 giugno scorso”.

“La Giunta Nardella e lo stesso sindaco, nonostante la nostra proposta referendaria sia stata lanciata cinque mesi fa, ha risposto bloccando il referendum e nei fatti mettendo un bavaglio alla cittadinanza su un tema sostanziale, come la speculazione immobiliare e la vivibilità di Firenze” rimarca Torelli. “Quel bavaglio verrà tolto a settembre con una grande consultazione autogestita con la quale ridaremo voce alle cittadine e ai cittadini della nostra città”. Non appena verranno ripristinate le ordinarie regole di democrazia e trasparenza, il Comitato Salviamo Firenze è disponibile a incontrare il Sindaco Nardella per un confronto su azioni concrete, come la scrittura delle norme di salvaguardia che dovranno essere definite e applicate prima della pausa estiva.

“Ad incontri di cortesia non siamo interessati” conclude Torelli. “I problemi politici di una città non si risolvono con dichiarazioni ad uso stampa, né con stop burocratici alla partecipazione: ciò che conta sono i fatti, il resto è puro marketing pre-elettorale. Che il sindaco agisca, e celermente, per evitare nuove speculazioni”.

Rock Contest 2023 | La Finale

Sopravvissute, storie e testimonianza di chi decide di volercela fare (come e con quali strumenti)