Rigassificatore Piombino, sindacati: “Serva per rilancio Jsw”

Piombino Jsw Steel

Piombino – Annunciata per venerdì 8 l’assemblea dei lavoratori di Jsw per chiedere rilancio.

Assemblea unitaria con i lavoratori della Jsw di Piombino (Livorno), in vista delle possibili novità che potrebbero aprirsi per la città in seguito l’interessamento del Governo per l’installazione di un impianto di rigassificazione, anche alla luce dello stallo del progetto di rilancio dello stabilimento piombinese. La annunciano per l’8 aprile i sindacati Fim Cisl, Fiom Cgil, Uilm Uil, Uglm Ugl e Usb, presso lo stabilimento Jsw.

Su questi temi, spiega una nota, ieri si è svolto un incontro tra l’Amministrazione comunale di Piombino, alla presenza del sindaco Francesco Ferrari, con i sindacati metalmeccanici provinciali di Livorno. “Da un lato nell’incontro con l’Amministrazione ha riconfermato quanto già anticipatoci anche dai presidenti di Regione Toscana Giani e Autorità di sistema portuale Guerrieri a margine del loro incontro – sottolineano i sindacati in una nota -, ossia di un primo contatto per valutare il sentimento Istituzionale di tale ipotesi. Dall’altro c’è stata piena condivisione sulla necessità che il nostro territorio non possa essere considerato solamente come un territorio di servizio, e che questa necessità nazionale debba coniugarsi con un’idea complessiva nella quale deve trovare risposta anche l’idea di rilancio dello stabilimento piombinese”.

A tale proposito, aggiungono, “fermo restando che la prospettiva dello stabilimento Jsw ha la priorità”, i sindacati esprimono “apprezzamento per la sintonia di linguaggio e posizioni delle Istituzioni, proprio come le organizzazioni sindacali dei metalmeccanici che in questi giorni provano a fare fronte comune, convinte come sono del fatto che soltanto parlando come un unico soggetto territoriale si possa sperare essere visti come interlocutori.

0 0 votes
Article Rating
guest
1 Comment
vecchi
nuovi i più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Angela
Angela
7 giorni fa

Questo modo di veicolare ipotesi non certe, è illudere gli operai e i cassaintegrati. A mio avviso si tratta di un ricatto per fare quello che vogliono. La fabbrica la devono far ripartire ma senza propinarci mostri di alcun genere.